GTranslate

Chi è online

Abbiamo 145 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2014-2015  
Presidente: Marina Barbera

14 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
sezione POESIA

 

A LA CUDDATA DI LU SULI
Felice Maria Antonio Liotti

 

 


A LA CUDDATA DI LU SULI

'U suli còdda adaciu adaciu
e la natura fa lu jocu di li tri carti
mentri s'appripara a calari
musciu musciu oltri lu mari;
'nchiuj l'occhi siddiàtu vidennu
comu cancia lu munnu quann''un c'è....
.... e lu me' jornu addiventa la me' notti...
.... e la me' notti è lu jornu di me' frati
d'addabbanna di lu munnu!
Nun sàcciu quant'havi ch'è accussì
e nun sacciu quantu po' durari...
... ju nun làssu òru a spicchiàri
supr'all'unni...
a nuddu cci vèni 'n testa di pittari
comu codda la me' vita!  A mìa…
            m'abbasta la paci sirena di la notti.                    

AL TRAMONTO DEL SOLE

Il sole tramonta piano piano
e la natura fa il gioco delle tre carte
mentre si prepara a scendere lentamente all'orizzonte
chiudo gli occhi seccato
con la calma e la rassegnazione
dell'inconfutabile, dell'irrimediabile
trasformazione degli elementi;
… ed il giorno diventa la mia notte
… e la mia notte è il giorno di mio fratello
dell'altra parte del mondo;
non so da quanto tempo è così.
non so per quanto ancora durerà.
… non lascerò riflessi dorati 
all'orizzonte...
non ci sarà nessuno a fotografare il mio tramonto! 

A me...basta la calma serena della notte.

 

note sul poeta Felice Liotti: 
Liotti Felice Maria Antonio nasce a Palermo nell'anno 1937. Primogenito di 12 figli è costretto quasi subito a rinunciare ai propri sogni velleitari e persino allo studio. Vive la guerra, da sfollato a Roma, dove subisce il bombardamento della casa e viene ospitato dapprima in un campo di baracche militari e poi a Palazzo Braschi, infine la famiglia ottiene la casa popolare ma il padre (ritrovato dopo essere stato per due anni disperso in guerra) rifiuta e torna in Sicilia a lavorare da calzolaio coinvolgendo il soggetto di appena otto anni con metodi pesanti, vessatori, ma consoni all'epoca. 
Privo dell'infanzia, impossibilitato a studiare coltiva (nei piccolissimi ritagli di tempo) le sue passioni tra cui il disegno. Per uscire dalla dittatura del padre affronta vari mestieri tra cui apprendista nella edilizia. A diciotto anni (per la facilità nel disegno) diventa incisore, cartellonista e costruttore di insegne e targhe. 
Si specializza incisore meccanico alla Raytheon Elsi. Dopo sposato, si trasferisce a Roma dove continua il suo lavoro, nascono due dei suoi tre figli. Torna a Palermo, dove insieme al suo lavoro per hobby fa serigrafia d'arte e conduce programmi radiofonici. Durante la sua permanenza a Roma incontra Rosa Balistreri e inizia una grande amicizia fino ad oltre la morte della cantante dando un grosso aiuto a Francesco Giunta per non farla dimenticare.
Ha al suo attivo tre libri di poesie quasi esclusivamente in siciliano:
Sferracavallo 'na jurnata 'o me' paisi - ediz pr.
Di lu funnu di lu cori - Gabrieli Editore
Di lu principiu a la finitoria - ed. privata.

Chiamato a presenziare a varie manifestazioni sempre a nome di Rosa Balistreri crede che questo sia un grande merito della sua vita.
Felice Liotti

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2014-2015  
Presidente: Marina Barbera

14 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
sezione POESIA

 

AMURI PAZZU
Rosaria Carbone

 

 


AMURI PAZZU
Rosaria Carbone

 

E mi vasava, mi vasava, mi vasava... 
linghìennumi l'uocchi e u cori d'amuri.
Amuri, amuri...
Amuri sempri cchiù malatu:
na vota na manata, natra vota na pidata.
"...U tò sapurì mi fa scurdari li peni. 
'Nfilu lu to senziu sbirsatu 
intra na cunchìgghia di mari; 
l'abbiu mienzu la so acqua azzola 
quannu tira vientu di tramuntana, 
ppi purtallu luntanu, luntanu. 
Vuogghiu sulu scurdari!"
E mi vasava, mi vasava, mi vasava... 
linghiennumi l'uocchi e u cori d'amuri.
Amuri, amuri.
Amuri semprì cchiù malatu:
na vota du pidati, 
natra vota un pugnu cchiantatu."...Squagghiu, comu na cannila addumata 
sutta i to carizzi. 
Ammiscu li to lacrimi ca ddumannanu pirdunu 
mienzu a la cira sculata; l'abbiu di na valanga 
dunna nuddu i po' mai pigghiari. 
Luntanu, luntanu. Vuogghiu sulu scurdari!"
E mi vasava, mi vasava, mi vasava... 
linghiennumi l'uocchi e u cori d'amuri.Amuri, amuri...
Amuri sempri cchiù malatu:
na vota un pugnu cchiantatu, 
natra vota un cutieddu appizzatu
...e nautru sfirratu, supra la facciuzza da 'nuccenti
ca sava appena ruvigghiatu.

Nun ci sunu cchiù vasati ca tienunu 
né carizzi ca frienunu!
Ora vuogghiu ricurdari! 
E ti cunsignu a la liggi prima ca u suli codda
ppì semprì... e mi porta luntanu, luntanu…
lassannu la ma picciridda 'nmucca o scuru 
di la notti e 'nmanu a li strani...
E ancora ai u curaggiu di dirimi ca era sulu amuri?
Amuri pazzu, amuri malatu, 
stammi luntanu... Luntanu!
Fammi sbocciarì sanu stu cìuriddu
ca mi fici vinciri u friddu di la morti 
ccu lu so ciatu callu:
la so vuci zziccata nill'auricchia
la so vuccuzza bagnata ca mi vasava e mi vasava
sucannumi lu senziu e lu cori.
M'arruvigghiaiu pazza d'amurì! 
L'amuri ranni…
AMURI di MATRI!
                  

AMORE PAZZO

E mi baciava, mi baciava, mi baciava... 
riempiendomi gli occhi e il cuore d'amore 
Amore. amore... 
Amore sempre più malato: 
una volta una manata, un'altra volta una pedata.
Il tuo sapore mi fa scordare le pene.
Conficco la tua mente malata
dentro una conchiglia di mare
la butto dentro la sua acqua azzurognola
quando tira vento dì tramontana,
per portarlo lontano, lontano
Voglio solo dimenticare
E mi baciava, mi baciava, mi baciava...
riempiendomi gli occhi e il cuore d'amore
Amore, amore...
amore sempre più malato:
una volta due pedate, 
un'altra volta un pugno piantato.
Mi sciolgo, come una candela accesa 
sotto le tue carezze
Mescolo le tue lacrime che chiedono perdono
con la cera ancora fluida; le butto in un burrone
dove nessuno li potrà mai prendere
Lontano, lontano. Voglio solo dimenticare!
E mii baciava, mi baciava, mi baciava...
riempiendomi gli occhi eil cuore d'amore
Amore, amore...
amore sempre più malato: 
una volta un pugno piantato, 
un'altra volta un coltello ficcato...
e un altro sferrato, sul viso della piccina
che s'era appena svegliata
Non ci sono più baci che tengono 
né carezze che frenano
Ora voglio ricordare! 
E ti consegno alla legge prima che il sole tramonti
per sempre... portandomi lontano, lontano…
lasciando la mia piccina in balia dei buio 
della notte e nelle mani di gente estranea...
E ancora hai il coraggio di dirmi che era solo amore?
Amore pazzo, amore malato,
stammi lontano... Lontano!
Voglio solo far sbocciare sano questo fiorellino
che mi ha fatto vincere il freddo della morte 
col suo caldo fiato:
la sua voce ficcata nell'orecchio
la sua boccuccia bagnata che mi baciava
e mi baciava succhiandomi la mente e il cuore
Mi svegliai pazza d'amore
L'amore grande...

AMORE DI MADRE!                                                                                            

 

Rosaria Carbone è nata a Butera (CL) il 10/03/ 1965, docente di lettere vive e opera in Riesi.
Spinta da una forte passione per il teatro, giovanissima, ha scritto lavori teatrali in lingua e in vernacolo siciliano: “Pasqualinu cunsuma famigghia”; “La taverna dell’amore”; “Cenerentola 2000”.
Nel 1989 riceve dalla città di Ragalna (CT) il prestigioso diploma di segnalazione “L’aulivu d’oru” per la commedia “Non è mai troppo tardi”;

Ha pubblicato: “TEBURA”, romanzo, casa ed. Il Convivio 2008; ( Premio Cuore di Sicilia, 2002; Premio Salvatore Quasimodo, 2003; Premio Maria Rosso di San Secondo, 2006; Premio “Nocera Poesia”, 2009.)

“MOMENTI DI VITA PAESANA SICILIANA, poesie e “cuntu” in vernacolo tipografia Ingraiti 2008; ( Premio “Cuore di Sicilia, 2001; Premio Pane Giallo di Sicilia, 2003; Premio Alessio Di Giovanni, 2005; Premio Helikon, 2005; Premio “G. Sunseri”, 2010; Premio “Città di Marineo” 2011; Premio “Terra d’Agavi”, 2012; )

“FUOCO DI LUCI”, narrativa, casa ed. Kimerik 2011 (Premio “Bernardino Giuliana”, 2003; Premio Scrittori e Poeti Siciliani, 2009; Premio Donna semplicemente Donna, 2011; Premio “Onda d’arte” 2013)

“LA BALLATA DEL PENTAGRAMMA” poesie, tipografia Ingraiti 2013. (Premio “L’Artigiano Poeta” 2013; Premio “Polverini”2013)

“IL SOLE NEL CUORE” fiabe, casa editrice Kimerik 2013.

Ha pubblicato racconti e poesie su riviste e antologie ed è impegnata attivamente come operatrice culturale.

 

14° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2014-2015

Presidente: Dr.ssa Marina Barbera


 


 

 POESIE SCRITTE E MULTIMEDIALI (scritte e filmato)


POETI (ordine alfabetico dei poeti)

Amico Chiara Corinne  Notti carma filmato
 

Amico Salvatore   Omu di pirrera

 

Balistreri Antonina   Lu me tempu 

 

Barone Nino  Sugnu filmato

 

Bellanca Giuseppe  Difficile jè

 

Callari Aldo  Culuramu lu munnu di sorrisi

 

Cammillieri Maria Stella  Quanti anni  filmato

 

Caramanna Calogero  Sicilia bedda

     

Caramanna Cataldo  La vuci di Rosa filmato

 

Rosaria Carbone  Amuri pazzu filmato

 

Coffa Salvatore U megghiu

 

Scalici Gerardo L'amuri veni, l'amuri va

 

Schembri vincenzo Custirnazioni

 

Spinello Gaetano I me nanni

 

Torregrossa Angela A voti

 

Tudisco Felice Mi veni di chianciri

 

Vitello Francesca Antica sirinata siciliana

Poesie (in ordine alfabetico delle poesie)

 

A la cuddata di lu suli  Liotti Felice  filmato

 

Amuri pazzu Rosaria Carbone   filmato

 

A putia Mattaliano Giovanni 

 

Antica sirinata sicilianaVitello Francesca

 

A Rosa Balistreri Librizzi Rocco

 

A voti Torregrossa Angela

 

Chista è la me terra Parisi Avogaro Giovanni

 

Culuramu lu munnu di sorrisi Callari Aldo 

 

Custirnazioni Schembri Vincenzo

 

Difficile jè Bellanca Giuseppe 

 

E... u carusu si nni va Nogara Salvatore  filmato

 

I me nanni Spinello Gaetano 

 

I purtidduna Neri Margherita   filmato

 

Iu sugnu natu cca Naso Alfio   filmato

 

L'arcu di Noè Russo Caterina filmato

 

L'amuri Giuliana Pino

 

L'amuri veni, l'amuri va Scalici Gerardo

 

La vuci di Rosa Caramanna Cataldo    filmato

 

Lu me tempu Balistreri Antonina 

 

Lu munnizzaruSantrone Carmelo

 

Lu scempiu ra natura Gullotto Santina

 

Lu viddanu e la terra Gaglio Salvatore filmato

 

Mi veni di chianciri Tudisco Felice

 

Notti carma Amico Chiara Corinne   filmato

 

Notti di Natali Insinna Emanuele

 

Omu di pirrera Amico Salvatore

 

Radica di vita Petralia Gaetano  filmato

 

Sonnu i nu crandestinu no mari i Sicilia   
Messina Fabio

 

Sbarcanu niuri Palumbo Giovanni  filmato

 

 SpariggiLa Marca Girolamo  filmato

 

 

 

Sugnu Barone Nino filmato


U megghiu Coffa Salvatore 

 

Vaiu Perrino Giovanni 

 

 

 



 

 

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2014-2015  
Presidente: Marina Barbera

14 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
sezione POESIA

 

AMURI AMURI AMURI
Maria Russell

 



AMURI AMURI AMURI
Testo e musica di Maria Russello

Amuri amuri amuri amuri mìu
Di jornu iu ti cercu e nun ti vìiu
Di notti ciata forti l'arma mia
E ti vìiu nnô me ddisìu
Ti parru cu la forza dû me cori
Ma u sonnu mìu spiriu nnà lu suli
Ca mi vasa cu lu lustru dû matinu…
Amuri amuri mìu…….
Lavu stricu e lavu a ll'ammucciuni
stu sintimentu comu terra niura
L’acqua fridda trasi nnà li vini
E astuta u focu c’addumasti tu..
Ma chi sciauru fannu i gelsumini
Mi votu ti cercu e nun ti vìiu
Si sì cu mìa u sapi sulu ddìu…
Amuri amuri mìu…..
Ti parlu cu la forza dû me cori..
ma u sonnu s’arricria nnâ lu suli
ca nni vasa cu lu lustru dû matinu
Amuri amuri …miu…..

 

                                                                                           

          

AMORE, AMORE, AMORE

Amore, amore, amore, amore mio…
Di giorno io ti cerco e non ti vedo
Di notte la mia anima tira un forte respiro
E ti vedo nel mio desiderio
Ti parlo con la forza del mio cuore
Ma il mio sogno sparisce nel sole
Che mi bacia con la luce del mattino
Amore, amore mio…
Lavo sfrego e lavo di nascosto
La mia passione come terra scura
L’acqua fredda mi entra nelle vene
e spegne il fuoco che tu hai acceso.
Ma che profumo hanno i gelsomini…
mi volto ti cerco e non ti vedo
se sei con me lo sa soltanto Dio
amore, amore mio.
Ti parlo con la forza del mio cuore
Ma il sogno gioisce nel sole
Che ci bacia con la luce del mattino
Amore, amore mio…..

                                                                                          

Maria Russello in arte Maria Russell, cantante e autrice, nata a Vercelli di origini licatesi. 
Maria sognava di diventare una cantante come Mina. Era il suo modello di artista. Nel cortile del condominio di Livorno Ferraris, dove abitava con la famiglia, organizzava il suo personale Festival di Sanremo. L’androne era il teatro Ariston, le panche di marmo ai lati erano i posti per gli spettatori, cioè i suoi amici. Cantava sempre anche sul balcone, e quando non lo faceva perché stava studiando, i vicini di casa la invocavano di cantare qualcosa.
Il percorso artistico di Maria Russell inizia all’età di 18 anni come speaker radiofonica Successivamente dirige una sua emittente, “Radio Orizzonte”, nella città di Avigliana (TO). Negli anni ’80 inizia a studiare dizione fonetica, recitazione e canto. Parte in tournèe nel 1986 con un gruppo spalla dei Dik Dik. Sempre in quell’anno si esibisce nella città di Rieti con Dario Baldan Bembo. Maria sceglie poi di dedicarsi alla propria famiglia e rallenta la corsa verso la carriera artistica, pur non rinunciando ad alcune performance in occasione di feste o manifestazioni nei vari comuni del Piemonte e anche in diversi matrimoni dove l’artista veniva richiesta.
 Il 21 Giugno del 2006 il debutto al Teatro Alfieri di Torino con il concerto “Le Canzoni più belle del Mondo”, concerto di pianoforte e voce. Il 18 dicembre del 2006 sempre al Teatro Alfieri e a grande richiesta, si ripropone lo stesso concerto con un’affluenza di 1450 persone a Teatro
Nel 2008 perfeziona la sua voce al Centro Jazz di Torino, ed inizia a studiare pianoforte con il Maestro Raf Cristiano.
Dopo varie esperienze artistiche, Maria scopre per caso la canzone siciliana di cui si appassiona fino al punto di rimettersi artisticamente in discussione. Iniziano così le sue ricerche e scopre il suo vero mondo artistico.
Le canzoni interpretate da Rosa Balistreri, le origini da cui provengono , i poeti conosciuti e sconosciuti che hanno scritto e cantato la Sicilia, hanno fatto nascere in Maria il desiderio di far conoscere anche in Piemonte dove vive quel mondo che le ha rapito l’anima, il cuore e che le ha cambiato la voce.
 A Natale 2014 l’uscita il suo suo primo CD: “Sicilia! Terra del Sole , Fuoco del Cuore,” cui sta lavorando in collaborazione con Gae Capitano e Alessandro Orefice. Il CD racchiude otto canzoni d’amore siciliane incluso l’inedito di Maria Russell dal titolo “Amuri Amuri Amuri”, canzone con cui ha partecipato al 14° Memorial Rosa Balistreri che si è svolto a Licata ad agosto del 2014.
Sito ufficale: www.mariarussell.it 
E-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.