GTranslate

Chi è online

Abbiamo 88 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2014-2015  
Presidente: Marina Barbera

14 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
sezione POESIA

 

VAJIU
Giovanni Perrino

VAJU
Scuotiti ti riceva, susit'e camina
sta lingua nuostra antica e puvuredda
ntrà suonu e litania, cutulii e spasimi
arsa rì siti, curta ri sillabi, 
du bbi cuomu bbaciuzzi,
tri ttti cuomu a tttia, 
paroli suspisi all'aria cavura
chi risuona vacanti e pizzica cuordi ri viulinu
cuomu risacca ntè grutti o acqua ntò vadduni
quannu rici ahhh mi fa risagghiari, quanti acchi!
Tremu, oddiu chi m'avaddiri, isu l'uocchi e taciu
u sientu u tò suspiru e ti rispunnnu c'ù sapia già
i labbra un si muvianu, mi taliasti e mi parsi
n'alitu ri sciatu na paruola, t'abbrazzavu.
Chi m'ha ddiri na sta lingua ruci e canterina
paroli sicchi,a stanza vacanti, sulu, taliava
l'uocchi aperti cuomm'a ddìrì.. vaju 

                                                                    .                                                                                       

VADO

Scuotiti, ti dicevo, alzati e cammina 
questa nostra lingua antica e poveretta 
tra suono e litania, dondolii e spasimi 
arsa di sete, avara di sillabe, 
due b come bbacetti, 
tre t come a ttte, 
parole sospese nell'aria calda 
che vuota risuona e pizzica corde di chitarra

come risacca nelle grotte o acqua di ruscello

quando dici ahhh mi fai paura, quante acca!
T
remo, oddio cos'ha da dirmi, alzo gli occhi e taccio, 

sento il tuo respiro e ti rispondo che già sapevo,

le labbra non si muovevano, mi guardasti

e parve un alito di fiato, una parola t'abbracciai.

Che devi dirmi nella lingua dolce e canterina

parole secche, la stanza vuota, solo,
fissavo gli occhi aperti come a dire...vado.