GTranslate

Chi è online

Abbiamo 269 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2014-2015  
Presidente: Marina Barbera

14 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
sezione POESIA

 

L'AMURI VENI, L'AMURI VA
Gerardo Scalici

L’AMURI VENI, L’AMURI VA

Amuri di la vita mia, staiu pinsannu a tia: 
ora chi li munnu dormi e taci, 
lu cori miu nun avi paci.

Anche se u Suli splenni autu ‘nto cielu,
la notti cchiu scura e niura è dintra l'arma me.

M'arribattu pi li strati inchiffarattu,
ma nuddu sapi cosa mi furria pi la testa,
lu vuotu immensu 
ca mi lassasti ‘nta lu cori me.

Maliritta nustalgia chi mi strinci lu stomacu,
mi leva la vuci e lu cantu, 
la voglia di campari senza putiriti amari!

U trenu di l'amuri na vota sula passa 
e persi li spiranzi, è tempu di scurdariti, 
di canciari acqua a lu catinu, 
sciogliri i catini e finiri i trivuliari.

Sta vita mia rosi e ciuri nun è,
china di spini e di duluri ca 
mi firiscinu di nicu e nicu e crisciri mi ficiru,
haiu caputu chi s'è veru ca si perdi na battaglia, nun è dittu ca si pirdì la guerra!

A testa auta, taliu fieru stu mari 
c'arrifletti i pinzeri me' cchiu ammucciati: 
un pozzu stari fermu, 
si stu Cielu picurinu mi sbarìa e mi suvrasta, 
si da stu Cielu binidittu, 
lu Signuri mi cunforta e mi cunsula, 
m'invita a spirari ca nenti è pirdutu 
finché è tempu di campari.
Lu ventu di sciroccu m'attigghia li vrazza e 
accussì riprennu a canticchiari: 
mi scurdavu tutti cosi ed accussì 
riprennu a caminari pi la me strata.
Stu Suli mi quadia lu cori,
m'alliggirisci la cuscenza 
e m'arristuisci lu surrisu:
la giarnìa lassa spaziu finarmenti all'allegria!

Viva la vita, viva l'Amuri.
Cu ama cu cori patisci duluri,
ma senza l'Amuri ma chiami tu vita?

Megghiu u picca e godiri, 
chi assai e trivuliari.
Pinsamu a campari senza troppu lamintari,
picchi l'Amuri veni, l'Amuri va, 
basta chi c'è ed è qualità!

                                                                                                                                                                                           

L’AMORE VIENE E VA

Amore della vita mia, sto pensando a te:
ora che il mondo dorme e tace,
il cuore mio non ha più pace.

Anche il Sole splende alto nel cielo,
la notte più buia e nera è dentro la mia anima.

Mi smuovo per le strade, indaffarato,
ma nessuno sa cosa mi gira per la testa,
il vuoto immenso 
che mi hai lasciato nel cuore mio.

Maledetta nostalgia che mi stringe lo stomaco, mi leva la voce e il canto,
la voglia di vivere senza poterti amare!

Il treno dell’amore una volta sola passa
ed ho perso le speranze, è tempo di dimenticarti, di cambiare acqua al catino,
di sciogliere le catene e finire di lamentarmi.

Questa vita mia rose fiori non è,
piena di spine e di dolori che
mi feriscono da bambino e mi hanno fatto
crescere, ho capito che se è vero che si perde una battaglia, non è detto che si perde la guerra.
A testa alta, guardo fiero questo mare
che riflette i pensieri miei più nascosti:
non posso stare fermo, 
se questo Cielo pecorino mi svaga e mi sovrasta, se da questo Cielo benedetto,
il Signore mi conforta e mi consola,
m’invita a sperare che niente è perduto
finchè è tempo di vivere.
Il vento di scirocco mi rabbrividisce le braccia e così riprendo a canticchiare:
mi son dimenticato di tutto e così
riprendo a camminare per la mia strada.
Questo sole mi riscalda il cuore,
m’alleggerisce la coscienza
e mi restituisce il sorriso:
la bile lascia spazio finalmente all’allegria!

Viva la vita, viva l’Amore.
Chi ama col cuore patisce dolori,
ma senza l’Amore, tu la chiami vita?
Meglio il poco e godere,
che assai e lamentarsi.
Pensiamo a vivere senza troppo lamentarci,
perché l’Amore viene, l’Amore va,
basta che c’è ed è di qualità!