GTranslate

Chi è online

Abbiamo 232 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2014-2015  
Presidente: Marina Barbera

14 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
sezione POESIA

 

CHISTA E' LA ME TERRA
Giovanni Parisi Avogaro

CHISTA E' LA ME TERRA

Cca, la sorti mi vinni a purtari
mmenzu l'oduri di li zagari d'aranci,
di zammari e carrubbi saracini,
di ficudinnia a latu di trazzeri
ccu migghiara di seculi di storia.
Lu suli riccu di caluri divinu
lu mari ccu sireni ca fani 'ncantari
li stiddi 'nda lu mantu azzurru
ca la luna li cori fa sbampari.
Bedda Sicilia! Tanti sunu li to preggi
e li biddizzi ca nun si ponu cuntari.
Ma!... puri di picciotti senza un filu di furtuna
e di spranzi pirduti nill'abbissu.
Di vecchi e anziani stanchi di lu so passatu
di matri addulurati ca ciancinu
ppi lu so distinu
eternu chiovu appizzatu 'nda lu cori.
Terra di pussidenti e di mafiusi
ca suchinu sangu senza pietà
a li poviri cristi 'nnuccenti
e si campa angustiati finu a lu tramuntu.
E li santi di petra intra li nicchi, chi fanu!
Ascutanu peni e spiranzi vani d'ognunu ca passa.
Li parrini prejunu e recitanu litanii
e cunfessinu piccaturi cu li ventri chini
di sangu succhiati di li poviri cristi
ccu li manui chini di cadda
e l'ossa stuccati di travagghiu.
E niatri chi spittamu ancora a Diu
ca ni proi un pezzu di pani.
Puri chista è la me terra,
unni la sorti mi vinni a purtari
unni si ridi e si cianci macari.

QUESTA E' LA MIA TERRA

Qui la sorte mi venne a portare
tra gli odori di zagare d'aranci,
di agave e carrubi saraceni,
di ficodindia a lato delle trazzere
con migliaia di secoli di storia.
Il sole ricco di calore divino,
il mare con le sirene che fanno incantare,
le stelle nel suo manto azzurro
e la luna che i cuori fa infiammare.
Bella Sicilia! Tanti sono i tuoi pregi
e le bellezze, tante tutte da raccontare.
Ma!... pure di giovani senza un filo di fortuna
e di speranze perdute nell'abisso.
Di vecchi e anziani stanchi del proprio passato
di madri addolorate che piangono
per il loro destino
eterno chiodo piantato nel cuore.
Terra di possidenti e di mafiosi
che succhiano sangue senza pietà
ai poveri cristi innocenti
e si campa angustiati fino a tramonto.
E i santi di pietra dentro le nicchie, che fanno!
Ascoltano guai e speranze vane da ognuno 
che passa e i preti pregano e recitano litanie
e confessano peccatori con i ventri pieni
di sangue succhiato ai poveri cristi
con le mani piene di calli
e le ossa stoccate dal lavoro.
E noi che aspettiamo ancora a Dio
che ci porge un pezzo di pane.
Anche questa è la mia terra,
dove la sorte mi venne a portare
dove sai ride e sai piange magari.

.