GTranslate

Chi è online

Abbiamo 104 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2014-2015  
Presidente: Marina Barbera

14 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
sezione POESIA

 

A PUTIA
Giovanni Mattaliano

SONNU I NU CRANDESTINU
NO MARI I SICILIA

E m’attruvai na la notti
a menzu a lu mari
cco sulu lustru ri la luna
e o cantu a mia nu mari i genti
ccu la stissa spranza sunnata,
ca lassatu avemu u nostru paisi
pi na megghiu vita i campari;
e friddu ca m’arrizza l’arma
ammiscatu cco scantu 
i siri agghiuttutu ri n’unna giganti
e vuci ri picciriddi ca chianciunu
e mbriachi si cunfunnunu 
ccu chiddi re capurala ri st’arca;
u sap’iddu lu Diu ca criremu
si sta terra prummisa a viremu
o si a murìri n’attocca
na strata r’accua nfinuta
e si na manu attruvamu
cuannu arrivamu
ca n’aiutassi e ni ricissi:
“bonu vinutu me frati,
chista è l’isula ri menzu
unni si passa p’attruvari vintura”.
E iu sulu ora m’accorgiu
ca mortu sugnu a vita ri prima
e ora sugnu no pararisu chiamatu Sicilia

.   

                                                                                                                         

SOGNO DI UN CLANDESTINO
NEL MARE DI SICILIA

E mi trovai nella notte
in mezzo al mare
con la sola luce della luna
e accanto a me un mare di gente
con la stessa speranza sognata,
che lasciato abbiamo il nostro paese
per una miglior vita da vivere;
e freddo che mi attraversa forte l’anima
mischiato con la paura 
di essere inghiottito da un onda gigante
e grida di bambini che piangono
e ubriachi si confondono 
con quelli dei caporali di quest’arca;
lo sa lui il Dio al quale crediamo
se questa terra promessa la vediamo
o se morire ci tocca
nella strada d’acqua infinita
e se una mano troviamo
quando arriviamo
che ci aiutasse e ci dicesse:
“benvenuto mio fratello,
questa è l’isola di mezzo
dove si passa per trovare avventura”.
E io solo ora mi accorgo
che morto sono alla vita di prima
e ora sono nel paradiso chiamato Sicilia.

                                                                                                         

 

 note sul poeta: Fabio Messina
Vive a Palazzolo Acreide, agente di commercio. Ha pubblicato nel 2004 un libro di poesie in dialetto siciliano "Acqua ca vugghi". Sta lavorando ad un libro di cantastorie e ad un altro di poesie in dialetto su tematiche sociali. Aderisce al Movimento di giovani scrittori "Timpanova" di Palazzolo Acreide. Si dedica a scrivere poesie in dialetto dedicate a quadri di pittori siciliani credendo nella sinergia tra arte pittorica ed arte poetica.