GTranslate

Chi è online

Abbiamo 44 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2014-2015  
Presidente: Marina Barbera

14 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
sezione POESIA

 

U MEGGHIU
Salvatore Coffa

U MEGGHIU (U MEGGHIU?)

 

Ha binutu, comu ogni annu,
ri Torinu, ca machina ranni,
ppì ghiri a mari ri matina,
e abbrunzarisi li carni.

A Torinu passa u tempu
stannu "ncasa a miditari,
mentri a Raula l'aspetta
mari, rommiri e mangiari.

E' forchetta assai 'mpurtanti, 
nunn' arriva mai secunnu,
mangia cosi spizziusi, 
spenni i sordi, u vagabunnu.

Nui avemu fattu 'mpattu,
su passati già ttri anni:
Sistemu, a Raula, u so' giardinu,
limitannici i malanni.

Chistu accordu è tacitusu:
iu fazzu zoccu pozzu,
iddu accetta e s'accuntenta
picchi sapi ca mi sforzu.

Appena passa u Strittu 
nun sta' fermu, si scatina:
Va a mari, nesci a sira 
e nun sauta mai 'na cina.

E' a Musa ispiratrici
ppì puisii rivirenti;
è u miu Micìnati
e tutti rui semu cuntenti.

Ri matina va a mari,
poi ritorna ppì pranzari;
dopu, fattu u riposinu,
pensa, arreri, ca' mangiari.

I nostri 'mpegni su' diversi,
l'amicizii, spissu, macari, 
però, a volti, n'accurdamu 
ri 'ncuntrarini e mangiari.

Comu si po' virìri,
tanti cosi sunu fatti,
ma sempri e sulu si finisci
tra furchetti, cucciari e piatti.

A stu propositu iu ricu: 
“L'auttri mangiunu ppi campari",
e nunn'è 'na fisseria, 
"Nui campamu ppi mangiari".

Ra vista è luntanu,
ma co cori assai vicinu:
E' u megghiu, dopu i mia,
stu' parenti ri Torinu.

 

IL MIGLIORE (IL MIGLIORE?)

 

E' venuto, come ogni anno,
da Torino, con la macchina lussuosa,
per andare a mare di mattina,
ed abbronzarsi la pelle.

A Torino passa il tempo
rimanendo in casa a pensare,
mentre ad Avola l'aspetta
mare, dormire e mangiare.

E' una buonissima forchetta, 
non è secondo a nessuno, 
mangia cose di capriccio,
spende i soldi, il giramondo.

Noi abbiamo fatto un patto,
sono trascorsi già tre anni:
curo, ad Avola, il suo giardino,
evitando che si ammali.

Questo accordo è tacito:
io faccio quel che posso,
lui accetta e si accontenta,
perché capisce che m'impegno.

Appena oltrepassa lo Stretto
non sta' fermo, si scatena:
Va a mare, esce la sera
e non salta mai una cena.

E' la Musa ispiratrice
per poesie dedicate;
è il mio Mecenate
e tutti e due siamo contenti.

Di mattina va a mare,
poi ritorna per pranzare;
dopo, fatto il riposino,
pensa, di nuovo, cosa mangiare.

I nostri impegni sono diversi, 
le amicizie, spesso, pure,
però, a volte, ci accordiamo 
d'incontrarci e mangiare.

Come si può notare,
tante cose vengono fatte,
ma sempre e solo si finisce
tra forchette, cucchiai e piatti.

A questo proposito io dico: 
"Gli altri mangiano per campare",
non è una baggianata, 
"Noi campiamo per mangiare".

Dalla vista è lontano,
ma col cuore molto vicino:
E' il migliore, dopo di me,
questo parente di Torino.