GTranslate

Chi è online

Abbiamo 126 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2014-2015  
Presidente: Marina Barbera

14 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
sezione POESIA

 

LU VIDDANU E LA TERRA
Salvatore Gaglio

 

LU VIDDRANU E LA TERRA
Salvatore Gaglio
1) Lu viddranu a la terra
Vulìssiti, o me Terra, lavurari;
ìnghiri 'stu to surcu di simenta;
vìditi di lu khiatu spapurari
iéttiti calli, e sentiti contenta.
Chi piaciri n'avissi d'arrignari
ni 'sta to conca ch'è di gigli e menta
amatu locu; e sentiti sgurgari
brodu di vita: arduri chi m'abbenta.
Issi pi lu to munnu 'n primavera
a 'nzitàriti figli tra li rami,
gioia d'éssiri 'n khiuri e gudia vera
dintra lu sangu to e ni li me brami,
ora ca 'n cori è l'ura ca si spera.
Lu sensiu me vulissi, si tu l'ami,
ìnghiti tutta di 'sta so preghiera.
2) La terra a lu vìddranu
Sapissi quantu tempu t'ha aspittatu
lu me dìsiddru vìrgini d'amuri.
Sapissi quantu t'àju disiddratu,
omu di mia 'ncantatu e 'ncantaturi.
Veni, e t'agliummarìu ni lu me khiatu;
trasi nn'u surcu, e jéttaci l'arduri.
I t'aspittava a cori sbarracatu,
e a tia mi grapu 'n calici di khiuri.
Jùngimi e fatti lapa, e suca e civa;
vénimi comu ventu e porta vita;
piglia e fammi natura sempri viva.
Ora ca 'stu me jéttitu si 'nzita,
nun lassàrimi cchiù d'amuri priva,
ma fammi pi l'eternu la to zita.
3) A la terra e all'omu
Terra ch'ératu china di sciruna
sutta truffazzi di rughetti e spini,
nun mi scantu di cciardi e di spuntuna
e t'annettu li chiarii e li pinnini.
Azzappu e chiantu inghiénnuti l'agnuna,
e ammjscannu li me a li to distini:
è bellu aviri pi quantu si duna
e cògliri pi chiddru chi simìni.
Omu, a la Terra chi li to gradisci,
li travagli su' comu l'ammizzigli.
Vidi comu t'arridi e ti khiurisci?
E s'iddru amuri duni, e amuri pigli,
li pianti chi ti nàscimi e chi crisci,
nun su' «natura», ma ti vennu figli.

                                                                                     

IL CONTADINO E LA TERRA


1) II contadino alla terra
Io ti vorrei, mia Terra, dissodare;
riempir questo tuo solco di sementa;
vedere dal tuo fiato vaporare
aliti caldi, e sentirti contenta.
Che piacere ne avrei di regnare
in questa conca che è di gigli e menta
amato prato, e sentirti sgorgare
brodo di vita: ardore che mi assale.
Andrei per il tuo mondo in primavera
ad innestare a te figli tra i rami,
gioia di essere in fior, delizia vera,
dentro il tuo sangue e dentro le mie brame,
ora che in cuore è l'ora in cui spera.
La mente mia vorrebbe, se tu l'ami,
riempirti tutta della sua preghiera.
2) La terra al contadino
Sapessi quanto tempo t'ha aspettato
il mio desiderio vergine di amore.
Sapessi quanto ti ho desiderato,
uomo da me incantato e incantatore.
Vieni, che ti avviluppo nel mio fiato;
entra nel solco e gettavi l'ardore.
Io ti aspettavo a cuore spalancato,
e a te mi schiudo in calice di fiore.
Giungimi e fatti l'ape, e succhia e ciba;
vienimi come vento e porta vita;
piglia e fammi natura sempre viva.
Ora che questo getto mi si innesta,
tu non lasciarmi più d'amore priva:
ma fammi per l'eterno la tua amata.
3) Alla terra e all'uomo
Terra ch'eri tu piena d'abrasioni
sotto un intrico di roveti e spine,
non ho paura di punte ed aculei
e ti bonifico i piani e i pendii.
Zappo e pianto riempiendoti i recessi,
e mescolando i miei ai tuoi destini:
è bello avere per quanto si dona
e cogliere per quello che tu interri.
Uomo, alla Terra che i tuoi gradisce,
i lavori sono come i conforti.
Vedi come ti ride e ti fiorisce?
E se tu amore doni, e amore pigli,
le piante che ti nascono e che cresci,
non son «natura», ma ti sono figli.


note sulla poeta Salvatore Gaglio

Salvatore Gaglio è nato a Santa Elisabetta (AG) dove tutt’ora vive. È autore di poesie, opere teatrali e romanzi. Ha vinto numerosi premi letterari, tra cui: “La Poesia Onesta” - Falconara Marittima (AN) 1996; “Giovanni Bonsignore” - Palermo 1996; “Memorial Rosa Balistreri” - Licata (AG) 2001 e 2002; “La Poesia Onesta” - Agugliano (AN) 2005; “Nino Martoglio” - Grotte (AG) 2007; “Concorso Lingua Siciliana” - Sez. Teatru - Siculiana (AG) 2007; “Terra d’Agavi” - sezione libro dialettale edito - Gela (CL) 2008; “Premio Internazionale Città di Marineo” - Sezione Poesia Dialettale Edita 2008; “Animosa Civitas Corleonis” - sezione dialettale - Corleone(PA) 2012. Ha già pubblicato Visioni dal colle, L’Autore Libri Firenze, 1996. Tre raccolte di poesie in siciliano: L’Omu e la Natura, Kimerik, 2007; La Natura e la Sorti, Medinova, 2007; La sorti di lu Munnu e l’Omu, Centro Studi Tindari Patti, 2012. Il romanzo Quel tempo generò gli Eroi, Nuova Ipsa, 2004. Per il teatro: Teatro – raccolta di opere teatrali in italiano, Akkuaria, 2010; e Teatru – raccolta di opere teatrali in siciliano, Akkuaria, 2010.