GTranslate

Chi è online

Abbiamo 291 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2014-2015  
Presidente: Marina Barbera

14 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
sezione POESIA

 

RADICA DI VITA
Gaetano Petralia

 

RADICA DI VITA
Gaetano Petralia

Vulissi turnari carusiddu 
pi sintiri 'nta li matinati 
lu via vai di li campagnoli 
li zocculi firrati d'un cavaddu 
lu cantu d'un viddanu, 
ca cu figghi d'appressu, la mugghieri 
ed un fidili cani in cumpagnia 
vanu a travagghiari a la campia 
Autri tempi, ca lu bisognu 'ncuttu 
faceva terri grezzi pruspirari. 
spirannu ca lu tempu cumpiacenti 
dava l'assensu di la bona annata. 
Ci bastava 'na bozza e 'na vastedda 
na scutedda di favi, 
l'affettu sinceru ca rignava 
lu sucu di sarmentu di la vita. 
Ora, ci su campagni abbannunati, 
arvuli sicchi sdati a la malura. 
canciaru li tempi, cu lu prugressu 
la nova manuvalanza 
vanu circannu comudi misteri. 
Non c'è amuri chiù pi lu zappuni, 
cumpagnu d'ogni singulu viddanu 
c'hannu lassatu 'ntrisi di suduri 
surchi di tanti terri abbivirati. 
La tena è funna radica di vita 
si s'abbannuna non c'è chiù dumani 
puru se a voti è aspira e rizzuta 
amamula lu stissu, 
ca è la fonti di l'umanitati 
ca si nutrisci e campa 
di l'amurusu fruttu ca ci duna.

                                                                                                                              

RADICE DI VITA

Vorrei ritornare ragazzino 
per sentire nelle mattinate 
il via vai dei campagnoli
gli zoccoli ferrati di un cavallo,  
il canto di un villico,
che con figli dappresso, la moglie 
ed un fedele cane in compagnia 
vanno a lavorare in campagna. 
Altri tempi, che il bisogno accosto 
faceva terre grezze prosperare. 
Sperando che il tempo compiacente 
dava l’assenso della buona annata. 
Gli bastava un fiasco di vino e una ruota di pane, 
una  scodella di fave,
l’affetto sincero che regnava 
il succo di sarmento della vita. 
Ora, ci sono campagne 
abbandonate, alberi secchi inclini alla malora, 
sono cambiati i tempi, con il progresso i nuovi operai 
vanno cercando comodi mestieri. 
Non c’è amore più per la zappa,
compagna d'ogni singolo contadino 
che hanno lascialo intrisi di sudore 
solchi di tante terre bagnate. 
La terra è profonda radice di vita,
se si abbandona non c’è più domani 
pure se a volte è aspra e pietrosa 
amiamola ugualmente, 
che è la fonte dell’umanità 
che si nutre e campa 
dell'amoroso frutto che ci dona.

Note sul poete:  Gaetano Petralia,
allievo del poeta adranese Antonino Bulla, che ne ha plasmato le doti artistiche, è particolarmente attenzionato ai valori del passato, ed è uno scrigno di ricordi delle usanze e delle tradizioni campagnole cui è stato partecipe nella sua travagliata esistenza, vive e lavora a Catania: è un poeta affermato nel contesto siciliano, presente in molte pagine Web con le sue poesie. 
Ha partecipato a molti concorsi piazzandosi sempre tra i primi classificati, per ben 70 volte si è piazzato al primo posto in concorsi di poesie