GTranslate

Chi è online

Abbiamo 275 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2014-2015  
Presidente: Marina Barbera

14 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
sezione POESIA

 

E U CARUSU SI NNI VA
Salvatore Nogara

 



E U CARUSU SI NNI VA

Figliu mia, figliu d'amùri, 
ni sto cori sento dulùri. 
Rapristi à porta e tinni sta ennu, 
a tridici anni tìnni sta ennu. 
Fa ancora scuru na matinata, 
e già camini 'nmezzu sta stràta, 
U tempu un c'è ciù ppi studiari, 
e tinna ggiri a travagliari.
Matruzza mia, m'innaia ggiri, 
di sta partenza un ti dispiaciri 
Com'unu ranni mi nni staiu ennu, 
e ù picciliddru va scumparennu. 
Sugnu cuntentu di travagliàri, 
e i soldi a casa ai'à purtàri, 
ca semmu assai e ppi campàri, 
stu pezz'ì pani unn'à mancàri.
Figliu mia, figliu mia beddru, 
ppi mmia arresti nu bambineddru,
Mi ciancia ù cori a vidirtì iri, 
senza di tìa megliu muriri.
Mentri ti vidu n'mezzu sta via, 
vidu partiri a vita mia,
Figliu mia aspetta, un t'alluntanàri, 
figliu mia aspetta, un mi lassàri.
Matruzza mia chi t'aia ddiri, 
ci sunu guai, guai di vidìri. 
Se mi putissa immagginàri, 
se ia sapissa chi vaiu a fàri; 
chista matina m'à prisintàri, 
e zoccu vena ia l'aia fari. 
C'eni di curriri e sudàri, 
e chista cruci l'aia purtàri.
Faciva friscu mentri aggiurnava, 
curiusu ù suli già s'affacciava, 
staviva addritta a fimmineddra, 
davanti a porta, comi fiureddra, 
Cù scialli n'spaddra e cù ll'arma muta, 
stava a taliari tutt'abbattuta, 
ù figliu sua mentri partiva, 
e a travagliari sinni iva.

                                        

          

E IL RAGAZZO SE NE VA

Figlio mio, figlio d'amore, 
in questo cuore sento dolore. 
Hai aperto la porta e te ne stai andando, 
a tredici anni te ne stai andando. 
Fa ancora buio in mattinata, 
e già cammini in mezzo a questa strada. 
Il tempo non c'è più per studiare, 
e devi andartene a lavorare.
Madre mia, me ne devo andare, 
di questa partenza non ti dispiacere.
Come una persona grande me ne sto andando, 
e il bambino va scomparendo.
Sono contento dì lavorare, 
e i soldi a casa devo portare,
poiché siamo in tanti e per campare, 
questo pezzo di pane non deve mancare.
Figlio mio, figlio mio bello, 
per me non rimani che un bambino. 
Mi piange il cuore a vederti andare, 
senza di te meglio morire. 
Mentre ti vedo in mezzo a questa via, 
vedo andar via la vita mia. 
Figlio mio aspetta, non ti allontanare, 
figlio mio aspetta, non mi lasciare.
Madre mia che devo dirti, 
ci sono guai, guai da vedere.
Se potessi immaginare, 
se solo sapessi che vado a fare;
questa mattina dovrò presentarmi 
e, qualsiasi cosa sia, dovrò farla.
C'è da correre e sudare, 
e questa croce la devo portare.
Faceva fresco mentre albeggiava, 
curioso il sole già s'affacciava,
stava in piedi la donna, 
davanti alla porta, come una statuina,
Con lo scialle sulle spalle e l'anima muta, 
stava a guardare completamente abbattuta,
il figlio suo mentre partiva,
e a lavorare se ne andava.

                                                                                          

 

note sul poeta Salvatore Nogara: 
Ha pubblicato il libro "Libera Me Domine": pubblicato in Francia nel 2010 - in lingua francese - dalla casa editrice: "Société des écrivains" . Ancora una volta lo stesso libro: "Libera Me Domine" pubblicato in Italia nel 2012 - in lingua italiana - dalla casa editrice Eracle - Edizioni ADEF