GTranslate

Chi è online

Abbiamo 129 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2018-2019  
Presidente: Angelo Pintacrona

 

18° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE POESIE

U SCRUSCIU DE PINZERI
Giuseppe Sammartano

 

U SCRÙSCIU DE’ PINSERI

Cu l’occhi ammenzu u niru sbalancati, 
nto scuru ca si po’ tagghiari a feddi,
comu surgiva d’acqui arriminati,
trabuccunu ricordi tristi e beddi,

U scrùsciu silinziusu de’ pinseri,
mi teni svìgghiu nta sti notti scuri,
e a l’orru di strachiummi e di pitreri;
aspettu du matinu lu chiaruri.

Abballunu chiù furmi vacabunni,
antichi…da lu tempu svisciurati,
lu ventu i ‘cchiana e scinni comu l’unni;
a usu fogghi giarni e sdisiccati.

Bluccati nta ddu munnu ammavaratu,
mi rìdunu ancora ammizzigghiati,
sippuru vapurusi e nturcigghiati;
ci vidu ancora chiaru lu passatu.

È ‘n vastuneddu ccà e ddà pirciatu,
ca mi susteni nta la caminata,
vagghiardu, comu fussi appena natu;
e m’accumpagna ancora pa me strata.

E mi susteni quannu ntra la queti, 
lu vecchiu libru vogghiu scaminari,
‘ccussì liggennu ‘a menti s’arrisedi:
’aiuta li sturturi a supirari.

Mi pigghia pi la manu la Rialtà,
e mi ricorda i màculi e l’affanni,
ca ogni omu a la nicissità;
discerni i cosi boni da li nganni.

Mi dici cu’ la santa virità,
mentri lu chiaru in luntananza appari
e ogni furma squàgghia e scumpari:
“Na vota passa u Tempu e si nni và!”

   

 

 

IL RUMORE DEI PENSIERI

Con gli occhi in mezzo al nero spalancati,
nel buio che si può tagliare a fette,
come sorgente d’acque mescolate,
traboccano ricordi tristi e belli.

Il rumore silenzioso dei pensieri,
mi tiene sveglio in queste notti scure,
e ai bordi di strapiombi e di pietraie;
aspetto del mattino il suo chiarore.

Danzano più forme vagabonde,
antiche…già dal tempo appassite,
il vento li alza e abbassa come onde;
come le foglie gialle già seccate.

Bloccati in questo mondo incantato,
mi ridono ancora vezzeggiati,
eppure vaporosi e attorcigliati;
ci vedo ancora chiaro il mio passato.

È un bastoncino qua e là tarlato,
che mi sostiene sempre nel cammino,
gagliardo, come fosse appena nato;
e m’accompagna ancor per la mia strada.

E mi sostiene quando tra la quete,
il vecchio libro voglio risfogliare,
così leggendo la mente rassereno:
’aiuta le storture a superare.

Mi prende per la mano la Realtà,
e mi ricorda pene e gli affanni,
che ogni uomo alla necessità;
iscerne cose buone dagli inganni.

Mi dice con la santa verità;
mentre il chiaro in lontananza appare
e ogni forma squaglia e scompare:
“Una volta passa il Tempo e se ne và!”