GTranslate

Chi è online

Abbiamo 24 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2018-2019  
Presidente: Angelo Pintacrona

 

18° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE POESIE

U GELSOMINU
Enza Vazzana

 

U GERSOMINU

 

Gnazieddu un pruvava tanti sintimienti
come tutti i masculi avia autri orientamenti,
lu travagghiu, u manciari,
n’anticchia ri suonnu e fari all’amuri.

Un taliava la luna e mancu lu suli.
Lu scrusciu ru mari e li canti ri cicali
eranu fastidiusi, u facievanu annirbari.
Ma li siri d’estati, duoppu a manciata,
mentri u vientu ri tierra arrifriscava a sirata,
Gnazieddu aspittava ca a gienti rurmieva,
pigghiava na seggia e poi s’assittava
‘nto varcuni o ‘n terrazza, ‘nta l’aria frisca.
Poi, piano piano rivurgiennusi alla sira
“Ca sugnu!” ricieva comu fussi na priera.
A un trattu arrivava ri quarchi jardinu
un ciauru intensu ri gersominu.

Gnazieddu ciariava isannu lu nasu
chiurieva li uocchi ed era carusu,
‘nte vrazza ra matri, ‘nta scuogghi vagnati,
‘mmienzu a linzuola ru suli asciugati,
jucava ‘nta strada ‘nsinu o tramuontu
senza pinsieri e senza un tormentu.

Gnazieddu sirienu un pinsava chiù a nenti,
viaggiava ca testa, visitava l’Orienti.
R’un trattu, accussì com’era arrivatu,
lu ciauru ri cuorpu avieva finutu.
Allura Gnazieddu ra seggia si isava
§e senza pinsari comu la chianca facieva
st’appuntamientu a rispittari,
a ringraziava e si iava a curcari.

 

 

IL GELSOMINO

 

Gnazieddu non provava tanti sentimenti
come tutti i maschi aveva altri orientamenti,
il lavoro, il mangiare,
un poco di sonno e fare all’amore.

Non guardava la luna e neanche il sole.
Il rumore del mare e i canti delle cicale
erano fastidiosi, lo facevano innervosire.
Ma le sere d’estate, dopo la mangiata,
mentre il vento di terra rinfrescava la serata,
Gnazieddu aspettava che la gente dormiva,
prendeva una sedia e poi si sedeva
nel balcone, in terrazza, nell’aria fresca.
Poi, piano piano, rivolto alla sera,
“Qua sono!” diceva come fosse una preghiera.
A un tratto arrivava da qualche giardino
un profumo intenso di gelsomino.

Gnaziezzu odorava alzando il naso,
chiudeva gli occhi ed era bambino,
tra le braccia della madre, tra scogli bagnati
in mezzo a lenzuola dal sole asciugate,
giocava in strada sino al tramonto
senza pensieri e senza un tormento.

Gnazieddu sereno non pensava più a niente,
viaggiava con la testa, visitava l’Oriente.
D’un tratto, così com’era arrivato,
il profumo di colpo era finito.
Allora Gnazieddu dalla sedia si alzava
e senza pensare come la pianta faceva
questo appuntamento a rispettare
la ringraziava e si andava a coricare.