GTranslate

Chi è online

Abbiamo 48 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2018-2019  
Presidente: Angelo Pintacrona

 

18° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE POESIE

PI CENTU LIRI, SEMPRI UGUALI
Valeria Salvo

 

 

PI CENTU LIRI, SEMPRI UGUALI

 

Dda giara ittata a mari
e scialli stinnutì ni curdini
i ficu sfatti d'agustu
e i grasti sciuruti ni barcnna di Notu.
U tufu vuddutu di li Templi giurgintani
e i sardi a beccaficu affumati
ni li notti di callu senza friscu né sciusciari.
Basuli bianchi siracusani.
putii aperti
e puisia tra na rocca e l'antra ca ti portanu a taliari.
Mennuli di scutulari e terri abbrusciati,
i strati rutti e i cunti passati di li nanni
un re di vastuna nisciva du casciuni
e l’arridiri di na vota pi na vittoria a scupa
mi stona testa e oricchi,
la sentu punì ora.
A vita ni li vigni e u zappari di li viddani
visuati di pezzi tacchiati e sudati,
i muratura sutta un suli di focu
e na matri ca lava centu scali.
Na Sicilia scuttata pi centu liri, sempri uguali.
Cangianu i tempi, cangia a moda, cangianu i sordi,
cangia u pinsari
ma mai u modu di fari.
E di tutti sti biddizzi, ricchizzi nni putissima fari
ma c'è cu voli cent'anni 'nnarrè arristari
e cu pensa: a testa mi tocca calati
pi putìri l’antru jornu campari.
Sicilia si u primu amuri di tutti i siciliani
ma si 'un cangi versu
tutti i to figli porti a scappari.
U sentu di ngoddu u baciu di mari e u so sapuri,
sentu i friscaletta,
u fruttarolu vanniari.
Ricordu sempri ddi vestiri nivuru a lutto,
u tuppu e i Rusari pinnuliari,
tutti li prucissioni, u battiri di pettu,
a Madonna vasari, i scalunati di paisi,
i picciotti fucusi, lu beddu amari.
Ma cangia versu, ti pregu,
'un mi fari pi sempri scappari.

PER CENTO LIRE, SEMPRE UGUALE

 

Quella giara buttata nel mare
e gli scialli stesi nelle cordine
i fichi sfatti d'agosto
e le piante fiorite sui balconi di Noto.
Il tufo bollente dei Templi agrigentini
e le sarde a beccafico affamate
nelle notti afose senza fresco né soffiare.
Basole bianche siracusane.
negozietti aperti e poesia,
tra una roccia e l'altra che ti portano a guardare.
Mandorle da raccogliere e terre bruciate,
le strade rotte e i racconti passati dei nonni
un re di bastoni usciva dal cassetto
e il ridere di una volta, per una vittoria a scopa
mi stona testa e orecchie,
la sento tuttora.
La vita tra le vigne e lo zappare dei villani
vestiti di pezze macchiate e sudate,
i muratori sotto un sole di fuoco
e una madre che lava cento scale.
Una Sicilia espiata per cento lire, sempre uguale.
Cambiano i tempi, cambia la moda, cambiano i soldi,
cambia il pensare
ma mai il modo di fare.
E di tutte queste bellezze, ricchezze ne potremmo fare,

ma c:è chi vuole, di cent'anni, dietro restare
e chi pensa: la testa mi tocca abbassare
per poter l'altro giorno vivere.
Sicilia sei il primo amore di tutti i siciliani
ma se non cambi modo di essere,
tutti i tuoi figli porti a scappare.
Lo sento addosso il bacio di mare e il suo sapore,
sento i fischietti,
i fruttivendoli gridare.
Ricordo sempre le vesti nere a lutto,
la crocchia e i Rosati oscillare.
tutte le processioni, i battiti al petto,
la Madonna baciare, le scalinate del paese.
i ragazzi focosi, il bell'amare.
Ma cambia l'essere, ti prego,
non mi fare per sempre scappare.