GTranslate

Chi è online

Abbiamo 95 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2018-2019  
Presidente: Angelo Pintacrona

 

18° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE POESIE

NA  PICCIRIDDA
Giovanni Malambrì

( Tratta da una storia vera che inizia nei primi anni 60 )

NA  PICCIRIDDA

Non aviunu nenti,

sulu miseria e stenti.

‘A fami, cu cuteddu

iddi tagghiaunu,

lacrim’amar’ittaunu.

Povirazzi, pi campari,

eppur’migrari,

Ni valìa ‘a pena ?

Suli, senz’amici,

cu cielu sempri niru,

senza suli e manc’u mari,

chi l’avissi fattu ricriàri,

Dda picciridda,

povira stidda,

sula ca nonna ristau.

‘U suli c’a matina

nascìa supr’o mari,

non ti facìa rispirari,

e ti lassava senza  ddu caluri

chi t’avi’a dari.

Tu, chi criscennu annavi,

pi tutti ‘a “picciridda” ristavi.

Fin’a quannu dda matìna,

mittisti ‘i pedi supr’a rina.

ti libirasti ‘ì tutti li turmenti,

futtennittinni ‘i tutt’i genti.

Puttast’avanti i to disii,

facennu chiddu chi vulii,

e non sbagghiasti,

medicu a divintasti,

‘nta vita riniscisti.

Quannu pensi ‘o to passutu,

vidi chi nenti av’a canciatu.

‘ I’ miseria, fami e stenti,

puru ora soffri tanta genti…

I figghi stannu ‘spatriannu[1],

non c’jé travagghiu e si nni vannu.

E ‘u viaggiu cuntinua…

Accussì non si po cuntinuari,

sulu ‘u Signuri ci’a po fari !

UNA BAMBINA

Non avevano nulla,

solo miseria e stenti.

La fame, col coltello

loro la tagliavano,

lacrime amare buttavano.

Poveretti, per vivere,

sono emigrati.

Ne valeva la pena ?

Soli, senz’amici,

col cielo sempre scuro,

senza sole e neanche il mare,

che li avrebbe fatti ristorare.

Quella “bambina”,

povera stella,

sola con la nonna è rimasta.

Il sole che la mattina

nasceva sopra il mare,

non ti dava il respiro,

e ti lasciava senza quel calore

che ti doveva dare.

Tu, che crescendo andavi,

per tutti la “bambina“ restavi.

Fino a quando quella mattina,

hai messo i piedi nudi sulla sabbia,

Ti sei liberata di tutti i tormenti,

non curandoti di tutta la gente.

Hai portato avanti tutti i tuoi desideri,

facendo quello che volevi,

e non ha sbagliato,

medico sei diventata,

nella vita sei riuscita.

Quando pensi al tuo passato,

vedi che niente è cambiato.

Di miseria fame e stenti,

anche ora soffre tanta gente…

I ragazzi stanno espatriando

non c’è lavoro e se ne vanno.

E il viaggio continua…

Così non si può continuare,

solo il Signore ce la può fare.

  

[1]prima emigravano gli adulti e gli anziani, oggi emigrano i giovani.

[1]