GTranslate

Chi è online

Abbiamo 128 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2018-2019  
Presidente: Angelo Pintacrona

 

18° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE POESIE

PREGHERA
Salvatore Cappalonga

 

 

PREGHIERA

   

“Nun ti dissi di nasciri pi forza.   

Chistu fu un piaciri certu tua    

cu ssu fazzulettu ssa lacrima smorza      

pirchì lu capivu che cchiu nun mi vua . 

Ma poi dimmi tu cu quali coraggiu   

mi jetti accussì nno gabinettu    

dai permettimi di fari stu viaggiu     

dopu staju mutu ti promettu.     

Lassami in chiesa, chi possu diri       

nun ti chiangi lu cori puru a tia    

fammi in qualchi modu binidiri       

puru di una chi passa di la via.

Ora. . . pirchì m’ha livari la vita     

dopu che mi la dasti tu p’amuri?    

Quindi ti pregu, falla tu finita      

riflitti beni, fammi stu favuri”      

 “Papa nun voli” mi dissi la mamma  

e mentri parlava idda chiangiva

“un farmacu mi detti pi stu dramma”

ma lu so cori forti cci battiva .

“Ma tu si ranni e sai chiddu che fai    

mentri parli ti tremanu li gammi?

Ti pregu mamma, ascuntami, dai     

ascunta stu to figliu di 2 grammi”    

Un po’ di sangu, l’acqua du sciacquni   

Ed un tampone giustu qualchi jornu .    

Si fici cumannar di ddu buffuni           

ma sempri carusi vidi attornu      

 

 

 

PREGHIERA

 

“Non ti ho chiesto di nascere per forza.

Questo è stato certo un tuo piacere

con quel fazzoletto, quella lacrima smorza

perché l’ho capito che non mi vuoi più.

Poi dimmi, con quale coraggio

mi butti così nel gabinetto

dai, permettimi di fare questo viaggio

dopo me ne sto muto, ti prometto.

Lasciami in chiesa, che posso dire

non ti piange il cuore pure a te

fammi in qualche modo benedire

pure da una che passa dalla via.

Ora. . .  perché mi devi togliere la vita

dopo che me l’hai data tu per amore?

Quindi ti prego, falla finita

rifletti bene fammi questo favore”

“Papà non vuole” mi ha detto la mamma

e mentre parlava lei piangeva

“un farmaco mi ha dato per questo dramma”

ma il suo cuore forte le batteva.

“Ma tu sei grande e sai quello che fai

mentre parli ti tremano le gambe?

Ti prego mamma, ascoltami dai

ascolta questo tuo figlio di 2 grammi”  

Un poco di sangue, l’acqua dello sciacquone

ed un tampone giusto qualche giorno.

Si è fatta comandar da quel buffone

ma sempre bambini vede attorno.