GTranslate

Chi è online

Abbiamo 108 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2018-2019  
Presidente: Angelo Pintacrona

 

18° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE POESIE

CIURI DI ZAGARA
Felice Tudisco

CIURI DI ZAGARA

Ciuri di zagara,
profumano chist’aria,
è chista la me terra
cu li so sciauri e la so storia.
Li nurmanni e li spagnoli,
la seppiru apprizzari
e sta mafia senza scrupuli,
ci la voli fari udiari.
Terra mia ca cunti
tanta gente morta ammazzata
o l’ammucci nnà lu cimentu
o sutta nnà balata.
Di quantu sangu ti si allurdata,
tu mori pi lu piaciri, di cu ammazzannu
voli arrivari a ‘u putiri.
Cu parla assà , cu nnà timpa ‘mucca mori,
nuddu vitti nenti,
cu durmia e cu ‘un n’era prisenti.
L’omertà è la regola ca tutti quanti osservanu,
sannu ca ‘un perdonanu si parlanu.
Terra mia cu lu mari,
lava tutta sta ‘nfamità ,
basta mortI, lupari e omertà.
Ritorna narrè nni ddru tempu luntanu ,
quannu eri la perla ,
cchiù lucenti di lu mediterraneo.


                                                                                                                                                                                                                                                        

 

FIORI DI ZAGARA

Fiori di zagara,
profumano quest’aria,
è questa la mia terra,
coi suoi odori e la sua storia.
I normanni e gli spagnoli,
la seppero apprezzare
e la mafia senza scrupoli,
ce la vuole fare odiare.
Terra mia che accogli
questi lutti di lupara,
che nascondi i corpi nel cemento
o in una bara.
Di quanto sangue ti sei macchiata,
tu muori per il piacere di chi uccidendo
vuole arrivare al potere.
Chi sa troppo col sasso in bocca muore,

nessuno ha visto niente,
chi dormiva o chi non era presente.
L’omertà è la regola che tutti quanti osservano,

sanno che non perdonano se parlano.
Terra mia col mare
lava l’onta, di questa infamità,
basta con i lutti e le lupare e con l’omertà.

Ritorna indietro a quel tempo lontano,
 quando tu eri la perla
più splendente del mediterraneo.