GTranslate

Chi è online

Abbiamo 109 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2018-2019  
Presidente: Angelo Pintacrona

 

18° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE POESIE

A STRAGI PI LU PANI
Rosalia Daniela Treppiedi

A STRAGI PI' LU PANI

'Na storia vi vogliu cuntari
di viddani ca tiravanu a campari,
ogni iuornu ivanu a travagliari
pi lu riccu c'avia li denari,
capiri 'un pò lu giuvinieddu
picchi ormai stancu è lu puvirieddu.

La guerra avia finutu
e la Sicilia avia giuiutu,
l'americani nn'avianu liberatu
e ancora 'un s'innavianu iutu,
la terra s'addisiava
e la gintuzza di fami muriva.

'Ddu iuornu si misiru a prutistari,
di corso Umbertu avianu a passari
e li purtidduna chiusi vulianu attruvari,
cu' corli e pitittu sfìlavanu pi' la via.

Di lu barcuni, di li vanneddi
accuminciaru a sparari,
cu li mitra l'aspittavanu
nni' lu Circulo di cumpagnia:
lu sangu, la genti 'n terra,
cu gridava e cu curri va.

Si sapi comu vannu a finiri 'sti cosi
ca lu puvireddu travagghia
pi' lu riccu c'avi li dinari,
ca l'innucenti su' sempri a pagari,
ca la natura nuddu pò cangiari.

Lu munnu è chissu:
pi nuantri dannazioni e fami,
pi li figli paradisu e pani.

                                                                                                                                                                                                                                                             

LA STRAGE PER IL PANE

Una storia vi voglio raccontare
di contadini che tiravano a campare
ogni giorno andavano a lavorare
per il ricco che aveva i soldi,
capire npon può il giovincello
perchè ormai stanco è il poveretto.

La guerra era finita
e la Sicilia aveva gioito,
gli americani ci avevano liberati
ed ancora non se ne erano andati,
la terra si desiderava
e la gente moriva di fame.

Quel giorno si misero a protestare,
da corso Umberto dovevano passare
e le finestre chiuse volevano trovare,
con collera e appetito sfilavano per la via.

Dai balconi, dalle viuzze
cominciarono a sparare
con i mitra l’aspettavano
nel Circolo di compagnia;
il sangue, la gente a terra,
chi gridava e chi corre via.

Si sa come vanno a finire queste cose
che il poveretto lavora
per il ricco che ha i denari,
che l’innocente sono sempre a pagare,
che la natura nessuno può cambiare.

Il mondo è questo:
per noi dannazione e fame,
per i figli(dei ricchi) paradiso e pane.