GTranslate

Chi è online

Abbiamo 39 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2018-2019  
Presidente: Angelo Pintacrona

 

18° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE POESIE

A PRICISSIONI
Giuseppe La Rocca

‘A PRICISSIONI

Trasi ‘u Santu doppu ‘a masculiata,

tra cruci fatti e vasati ‘mpunta di ita.         

‘I divoti, chî scarpi ancora ntê manu,

astutanu muzzuna di cannili,

mentri ‘a negghia arziusa va luntanu.

Pinsannu ê fatichi dû dumani,

‘a genti sinni va chiacchiariannu:

torna ê casi stanca, sapennu 

ca pi l’autra festa avi a passari n’annu.

Si cuntanu ‘i sordi ntâ sacristia

un tantu pi vuatri, un tantu a mia.

Cullani di dinari avi ‘u Santu:

cartuzzi nichi di pocu valuri,

ca si livaru dâ vucca ‘i puvireddi

e chiddi cchiù granni tutti acculurati

tirati fora dî portafogghi unciati.

‘Nto mezzu cinn’è una di granni valuri,

ca l’occhi di tutti fa spirluccicari,  

chista unn’è data pi grazia o pi favuri

e mancu pi prudigiu addumannatu,

ma è ‘u ringraziu pû ‘nchinu ricivutu.

Si spartinu ‘i sordi ntâ sacristia:

tanti mazzetti e chista è pi vossi

                                                                                                                                                                                                                                                        

                                                                                                                                                        

LA PROCESSIONE.

Entra il Santo dopo lo sparo dei mortaretti

tra segni di croce e baci in punta di dita.

I devoti, con le scarpe ancora in mano,

spengono moccoli di candele,

mentre la nebbia acre si allontana.

Pensando alle fatiche del domani,

la gente se ne va chiacchierando

 torna alle case stanca, sapendo

che per l’altra festa deve passare un anno.

Si contano i soldi in sacrestia

un tanto per voialtri, un tanto a me.

Collane di soldi ha il Santo:

banconote piccole di poco valore

che si sono tolte dalla bocca i poveretti

quelle più grandi tutte colorate

tirate fuori da portafogli gonfiati.

Nel mezzo ce n’è una di grande valore,

che gli occhi di tutti fa brillare,

questa non è donata per grazia o per favore,

e manco per miracolo domandato,

ma è il ringraziamento per l’inchino ricevuto.

Si spartiscono i soldi in sacrestia:

tante mazzette e questa è per vossignoria.