GTranslate

Chi è online

Abbiamo 93 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2018-2019  
Presidente: Angelo Pintacrona

 

18° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE POESIE

A MASCULIATA
Gina Bonasera

A MUSCULIATA

A musculiata d'una tavula 'mbandita

pì nà festa 'ntà li nostri parti

è cosa pumpusa,bspagnulesca.

'Ntabbastanu li culura , li formi,li sapura

è  lu vinu cà la fà chiù sapurita;

la musica assurdanti poi , li risa di li dami pittàti,

apparicchiati a maronne ' mpiddrissioni

cu tanti d'aneddri,biacciala,cullana,

chi fannu di spicchiuzza p'attirari

l'occhiu masculinu, cunfusu n'mezzu u beni,

anchi  si nun'è tutt' oru chiddru chi luci.

L'una piaci e... l'avutra puru,

su troppu beddri i fimmini da Sicilia,

si ci metti li chitarri,i tammureddra e

li canzuna, tinnacchiani sulu sulu

m'paradisu e ti scordi di nà rassa parata,

china d'apparenza e màchira di sustanza!

Chistu è lu mezzu pi ghìnchiri l'occhiu

e no lu cori.
Dittanu liggi li populi passati di sta nostra terra
e rispittamu tradizioni.
Accussì ntà stu scrusciu

 c'è cu s'accuntenta e mancia...

c'è  cu penza e fà lu diunu

pi ghìnchiri l'occhiu e no lu cori.

Rifatti, nà sta ran cunfusioni,

c'è cu s'accuntenta e mancia  e ...

cu penza e fà lu diunu

                                                                                                                                                                                                                                                     

 

 

GIOCHI D'ARTIFICIO

L'esplosione di una tavola imbandita

per una festa dalle nostre parti

è cosa pomposa, spagnolesca.

Non ti bastano i colori, le forme, i sapori

è il vino che la rende più gradevole;

la musica assordante poi, le risate delle donne

truccate, agghindate  come madonne

in processione con anelli, bracciali,

collane, che fanno da specchietti

per catturare  l'occhio mascolino,

confuso tra tanta ricca bellezza, anche se non

è tutt'oro ciò che luce e, tutte

sono belle le donne siciliane,

se aggiungi le chitarre, i tamburelli e

le canzoni, ti senti trasportare in paradiso

e ti scordi d'una grassa parata,
piena d'apparenza e vuota di sostanza!
Questo è il mezzo per riempire gli occhi

ma non il cuore. 

Dettano leggi i popoli passati dalla nostra terra

e rispettiamo tradizioni.

Così in questa confusione

c'è chi s'accontenta e mangia...

e chi riflette e fa il digiuno

per riempire l’occhio e non il cuore.
Rifatti in questa gran confusione

c'è chi s'accontenta e mangia...

e chi riflette e fa il digiuno.