GTranslate

Chi è online

Abbiamo 36 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2018-2019  
Presidente: Angelo Pintacrona

 

18° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE POESIE

A DINUCCHIUNI
Giovanni Canzoneri

A DINUCCHIUNI

A dinucchiuni cugghennu puma,

a dinucchiuni.. .su' pumadoru,

ccà lu patruni, a lu friscu, fuma,
io, sutta lu suli, assammaratu moru.

'Na bedda casa avìa a lu paisi, 

cu sangu e suduri, idda, fu isata,
accattannu 'nu madùni a fini misi,
o quannu a me patri ci davanu la misata.

M'a sdirrubbaru, 'na mala jurnata,
'nfami la guerra.. .miseria buttana,
supra la testa, parìa 'na friscata,
era 'na bumma di fattura 'taliana.

Cu l'occhi chini e assai scunfurtatu,
l'ultima carta mi vosi jucari,
lassata lu paisi, lu passu avviatu,
la strata d'u mari, io, vosi pigghiari.

Passa lu jornu e la sirata,
'ntà ddu varcuni cu milli svinturi,
sulu metà 'ntà la terra disiata,
l'avutra è scia di morti e duluri.

Vasu la terra e brinnu alla vita,

giru e firriu, attrovu travagghiu,

la nira sorti è cosa finita,

ma, viaggiu c'a menti, è sulu 'nabbagghiu.

Ora la me casa 'ntà 'nantu è jttata,
fatta di lanni e scocci 'i cartuni,
mi curcu 'nterra, 'ntà l'erba vagnata,
e pi cacari 'nu  peri  'i limuni.

La peddi chi coci, la testa calata,

si parri nirbati.. .chi bedda "scialata",

chi amara vita, chi amaru fatu,

s'un m'ammazza lu suli, moru 'nchiummatu.

                                                                                                                                                                                                                                                     

IN GINOCCHIO

In ginocchio raccogliendo pomi,

in ginocchio.. .son pomodori,

qui il padrone, al fresco, fuma,

io, sotto il sole, fradicio (di sudore) muoio.

Una bella casa avevo al paese,

con sangue e sudore fu costruita,

comprando un mattone a mine mese,

o quando a mio padre davano la mensilità.

Me l'hanno distrutta, una brutta giornata,

infame la guerra, miseria puttana,

sopra la testa, sembrava una fischiata,

era una bomba di fattura italiana.

Con i lucciconi e assai sconfortato,

l'ultima carta volli giocare,

lasciato il paese, il passo avviato,

la strada del mare, io, volli pigliare.

Passa il giorno e la serata,

in quel barcone con mille sventure,

solo metà nella terra desiderata,

l'altra è scia di morte e dolore.

Bacio la terra e brindo alla vita,

giro e rigiro, trovo lavoro,

la nera sorte è cosa finita,

ma, viaggio con la mente, è solo un abbaglio.

Ora la mia casa in una campagna è gettata,

fatta di lamiere e bucce di cartone,

mi corico a terra, nell'erba bagnata,

e per cagare un albero di limoni.

La pelle che cuoce, la testa calata,

se parli nervate.. .che bella "pacchia",

che amara vita, che amaro fato,

se non mi uccide il sole, muoio sparato.