GTranslate

Chi è online

Abbiamo 267 visitatori e nessun utente online

 

13° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2013-2014

Presidente: Dr. Francesco Racalbuto



SCUNCIRTATU
Lillo Taibi

SCUNCIRTATU

'O molu di' varcuzzi e di' cianciola 
un vicciareddru supra un vanchiteddru
vittu assittatu cuetu ca piscava; 
pariva 'mbarsamatu, 
di nenti si smuviva: 
ccu na' manu tiniva 'a canna tisa 
e l'altra nu' dinocciu era appuiata. 
Mi cci angugnavu e 'u vossu salutari: 
" 'Ssa bbenedica! Ammuccunu? " ci dissu. 
Mancu si smossa e mancu mi taliau. 
Forsi na 'ntisa 'unn'era tantu bonu; 
cci dissu arre cciù forti : 
" Assai nn'à ngagliatu? " 
taliannu versu 'u catu ca cci aviva 
pusatu 'o sciancu, 
menzu cummigliatu
cc'un cannavazzu vecciu 'ncatramatu. 
Macché! 
Mancu sta vota
chiddru m'arrispunnia; 
e cch'era surdu e mutu? 
Cci aviva l'occi stritti, allammicusi, 
e 'a pippa ca sucava era astutata:
cci punnuliava supra 'u vavarozzu 
e 'a vucca, senza denti, era spunnata;
di lignu anticu o petra scarpiddriata
statua pariva; 
parò era vivu 
e attentu iddru taliava, 
l'occi 'nciummati, 'unni calava 'a lenza, 
di ddr'acqua ch'era nivura e fitusa 
e accussì cina d'ogliu e di lurdii 
ca 'na fogna pariva ristuppata.
" Ma bboni sunu i pisci di stu mari 
accussì cinu d'ogliu e di lurdia? 
'Un su malati? Si ponu mangiari?" 
cci dissu arrè. 
E arre 'un m'arrispunnia.
Ficiu a pinzata ch'era forasteri 
o masannò era mutu ppi daveru 
e 'un mi putiva sentiri e parlari:
"Lassammu stari!" 
mi dissu nu' mo' senziu; 
e, siccomu mi parsa ca 'un vuliva 
essiri ‘ncuitatu, na palora
'un cci a mpiavu cciù; 
ma 'un m'arrassavu, 
pirchì vuliva vidiri curiusu 
zzoccu pigliava. 
Dopu coccu mminutu, seddr'è bberu, 
'a manu manca vittu ca cci misa
'u vecciu dintra 'u catu, 
chiddru c'aviva 'o sciancu cummigliatu: 
si misa a 'rriminari e appo' 'a niscia… 
oh, Beddramatri, cch'era ssa lurdia 
ca na' manu srtringiva? Parsa a mmia 
ch'era nu 'mpastu moddru, agliummariatu 
ccu testi 'i sardi e scorci di tumazzu, 
accussì lordo e accussì fitusu 
ca 'u sbommucu mi vinna nu taliari
e fina 'i ni naschi mi vossu attuppari.
"Mmoru, echi ffa?" 
'unn'appu mancu 'u tempu di pinzari 
ca cciu vittu jttari
ssu 'mpastu unni trasiva 'a lenza 'a mmari.
E cchi fu focu? 
Dintra un nnenti, taliannu 'unn'era 'a lenza.
l'acqua du mari a vuddriri si misa 
ppi quanti pisci vinniru ppa spisa.
Spertu, ca parsa a mmia mancu 'un carusu, 
cci vittu dari 'a canna un risaccuni 
e appò di prescia 'a lenza arricampari. 
Ma tu talia stu pezzu di jarrusu 
cchi pisci grossu ca niscia du mari! 
A mmia mi parsa ch'era 'na ricciola: 
sbattiva ppi scucciarisi addannata 
comu 'na carcarazza 'mpudugliata; 
e appò ca 'u vecciu l’appa propriu a tiru 
cca mami sperta subutu aggarrà, 
chiddra c'aviva nu' catu 'mpilata 
e di lurdia ancora era 'mpittata; 
'a canna sutt'asciddra sistimà 
e, comu a chiddri ca ccu ll'occi ciusi 
sanu passiari senza truppicari, 
di mmucca 'o pisci l'amu cci luvà 
e dintra un saccu 'u misa 
di lana veccia ca tiniva appisa. 
Mentri ca u vecciu 'a lenza armava arrè,
ppa' testa mi passa d'addumannari 
se si mangiava iddru o si vinniva
i pisci ca piscava; 
l'acqua taliava ia, 
l'acqua du portu cina fitinzia 
ca quasi mi faciva sbummicari. 
"No!" dissu na' ma menti 
'"un ci haiu a diri nenti : 
zzoccu vo' fari fa, su cazzi sua; 
si po' mangiari o vinniri, ppi mia 
si po' vidè salari.". 
M'aviva misu i manu intra 'i sacchetti 
e ni sacchetti mi lassavu stari;
di na banna vuliva jriminni 
e l’attra ammeci moviri e taliari.
Ma quannu 'u vecciu arre dintra 'o so' catu 
cci misa 'a mami ppi ddra fitinzia,
propriu 'un cci a ficiu cciù, 
vossu sputari 
pp' 'u scuncertu ca mi 'ntisu accianari; 
e allura nu' mo' senziu dissu a mmia: 
"'unn'è cosa ppi mmia 
movimi ccà e sti cosi taliari!" 
mi 'nnivu cchi vudeddra 'nturciniati 
e i cannarozzi stritti iddri vidè. 
Quannu m'arricampavu, na' scurata, 
cci dissu a ma muglieri: "Cc'ammangiari?" 
Mi dissa 'a ma muglieri: "Na linguata 
'unt'a pottu truvari: 
vittu passari un vecciu ca vinniva
pisci piscati d'iddru e nn'accattavu 
dui beddri grossi; 'a furnu ti cucivu!"

                                                                                                                                                  

VOMITATO

Al molo delle barche e pescherecci 
un vecchietto sopra un trespolo 
ho visto seduto quieto che pescava
sembrava imbalsamato, 
proprio non si muoveva: 
con una mano teneva la canna stesa 
e l'altra poggiata sopra al ginocchio. 
Mi ci sono avvicinato e salutato: 
"Salute (benedica)! Abboccano?" gli ho detto. 
Non mosse ciglio nemmeno per guardarmi. 
Forse non doveva sentirci bene; 
gli volli dire più forte: 
"Ne ha presi molti?" 
Guardando verso un secchio che teneva al lato, 
al fianco,
ricoperto a malapena 
con un vecchio canovaccio unto e bisunto. 
Niente! 
Nemmeno questa volta 
quello mi rispose; 
era forse sordo e muto? 
Teneva gli occhi stretti, lacrimosi, 
e la pipa che succhiava era spenta: 
gli pendeva sopra al mento 
e la bocca senza denti era infossata; 
di antico legno o marmo scalpellato 
statua sembrava; 
invece era vivo 
e attento lui guardava, 
gli occhi fissi, dove scendeva la lenza 
dentro all'acqua nera e maleodorante 
e così piena d'olio e sudiciume 
da sembrare una fogna aperta. 
"Ma sono buoni i pesci di questo mare 
così pieno di nafta e sporcizie? 
Non sono malati? Si possono mangiare?" 
gli dissi un'altra volta. 
E un'altra volta non mi ha risposto.

Pensai che fosse forestiere 
oppure era muto per davvero 
per cui non poteva sentirmi e rispondere: 
"Lasciamo perdere!" 
mi corse il pensiero in testa; 
e, siccome ebbi la sensazione che non voleva 
essere disturbato, una parola 
non gliela rivolsi più; 
ma non mi sono allontanato, 
perché curioso volevo vedere 
quali pesci pescava. 
Dopo qualche minuto, se non erro, 
la mano sinistra del vecchio ho visto mettere 
dentro al secchio, 
quello che aveva al fianco ricoperto: 
dopo aver mescolato l'ha tirata fuori…
oh, Santa Madonna, e cos'era quella sporcizia 
che stringeva nella mano? Mi è sembrato 
che fosse un impasto molle mischiato
con teste di sardine e avanzi di formaggio, 
ma così sporco e così puzzolente 
che il vomito mi suscitò nel guardare 
e perfino le narici mi son dovuto tappare. 
«Oh Dio, che fa?” 
Non ho avuto nemmeno il tempo di pensare 
che gli ho visto buttare 
quell'impasto nel punto dove entrava la lenza in mare. Accidenti, che magia!
Immediatamente, guardando dove c'era la lenza, 
l'acqua del mare a ribollire s'è messa 
per la quantità dei pesci che vennero a mangiare. 
Veloce, neanche fosse stato un giovanotto, 
gli ho visto dare alla canna uno strattone 
e di seguito velocemente a raccogliere la lenza. 
Ma tu guarda questo gran figlio di buonadonna 
che pesce grosso ha tirato fuori dall'acqua! 
Posso sbagliarmi, ma credo fosse una ricciola: 
si dimenava dannatamente per liberarsi 
da sembrare una gazza impastoiata; 
e appena il vecchio la ebbe a tiro 
immediatamente con mano esperta la prese, 
la stessa mano che aveva introdotta nel secchio 
e ancora era impregnata di quell'impasto;

si sistemò la canna sotto l'ascella 
e come a coloro che anche con gli occhi chiusi 
si muovono per strada senza inciampare, 
ha tolto l'amo dalla bocca del pesce 
e fatto ciò in un tascapane di tela vecchia 
che teneva appeso in spalla lo mise. 
Mentre il vecchio innescava di nuovo l'amo. 
ebbi l'idea di chiedergli 
se li mangiava lui o li vendeva 
i pesci che pescava; 
l'acqua io guardavo, 
l'acqua del porto piena di sporcizia 
che a guardarla suscitava il vomito. 
"No!" mi son detto 
"non voglio dirgli niente: 
quello che vuoi fare sono fatti suoi; 
se li può mangiare o vendere, per me 
se li può pure salare." 
Mi ero messo le mani in tasca 
e con le mani in tasca sono rimasto; 
per un verso me ne volevo andare 
e per l'altra invece restare e guardare. 
Ma quando di nuovo il vecchio dentro al secchio 
ci mise la mano per quel luridume, 
proprio non ce l'ho più fatta, 
ho dovuto sputare 
per il vomito che mi son sentito salire; 
per cui mi sono detto: 
"No, non è cosa per me 
restare qui e guardare tutto ciò" 
me ne sono andato con le viscere arrotolate 
e la gola strozzata. 
Quando verso sera sono rincasato 
ho detto a mia moglie: "Cosa hai fatto per cena?" 
Mia moglie m'ha risposto: " una sogliola 
non l'ho trovata: 
ho visto passare un vecchio che vendeva 
pesci da lui pescati e ne ho comprati 
due belli e grossi; te li ho cotti al forno!"