GTranslate

Chi è online

Abbiamo 344 visitatori e nessun utente online

 

13° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2013-2014

Presidente: Dr. Francesco Racalbuto



CIURI D' ACANTU
Anita Vitrano

CIURI D' ACANTU

Ddu suli giarnu va arripigghiannu culuri 
in silenziu si vistìu di scrusciu
s'arrutulianu li me pinzeri
e comu aliva scacciata n'ta la petra
sucu amaru haiu arrantiatu n'ta li me manu
vucca sicca a la sira
frunti arrappata a la matina.
Stanca sugnu di squagghiari cu li me lacrimi
lu sangu inpitratu di li ‘nnuccenti
ca scula lentu na li cuscenzi 
e macchia sta terra
viva e sula
comu na matri bedda ma senza vintura
chi cerca pani pi li so fìgghi
e trova fangu mpastatu cu sali
a me vuci è comu u mari
china ri ventu e poi tutta silenziu
chistu nni nzignaru
ad agghiuttiri pi nun patiri avutri lutti.
Chistu nuatri miritamu 
genti onesta e china ri sogni?
I passi di li nostri fìgghi 
cu l'occhi avvispati ni quartiamu
picchi quannu scura
lu sciallu sulu nun basta pi riparari
di la svintura
eppuru
quannu a Giugnu u lavuri
abbiunnìa 
capemu ca cu lu tempu s'ammatura
forsi è l’ura
di isari la testa
e cogghiri lu ciuri
di la libertà
Sicilia mia
ca sulu n’ta li capiddi orgogliosi
cridi a mia
luccichia 
i pagini ra vita scrivinu la storia
lassamu a ccu resta st’unica vittoria

                                                                                                                                                  

FIORI D'ACANTO


Quel sole pallido va riprendendo colore
il silenzio si è vestito di rumore
si attorcigliano i miei pensieri
e come olivo schiacciato nella pietra
succo amaro ho raccolto nelle mie mani
bocca secca di sera
fronte corrugata al mattino.
Stanca sono di sciogliere con le mie lacrime
il sangue pietrificato degli innocenti
che gocciola lento nelle coscienze 
e macchia questa terra
viva e sola
come una madre bella ma con la malasorte
che cerca pane per i suoi figli
e trova fango impastato col sale
la mia voce è come il mare
piena di vento e pio tutta silenzio
questo ci hanno insegnato
a deglutire per non patire altri lutti.
Questo noi meritiamo
gente onesta e piena di sogni?
I passi dei nostri figli
con gli occhi avvespati ci custodiamo
perché quando fa buio
solamente lo scialle non basta per riparare dalla sventura
eppure
quando a giugno biondeggia il grano
capiamo che con il tempo si matura
forse è l'ora di
alzare la testa
e raccogliere il fiore
della libertà
Sicilia mia
che solo nei tuoi capelli orgogliosi
credi a me
luccica
le pagine della vita scrivono la storia
lasciamo a chi resta quest' unica vittoria