GTranslate

Chi è online

Abbiamo 41 visitatori e nessun utente online

 

13° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2013-2014

Presidente: Dr. Francesco Racalbuto



SULI, COMIU  'I CANI
Mario Scaglia

SULI, COMIU  'I CANI

Fujinu, di li terri unni nasceru! 
traversanu deserti, munti e mari! 
pi pizzu, è bojia, sborzanu 'i dinari! 
p' iri a strania, appittanu 'u misteru!

Quattru strucciuli 'ncoddru e si nni jieru! 
Certumi, nun putennu abbannunari 
li nutrichi, si 1' appiru a purtari 
e all'acqua, o suli e o ventu l’esponeru! 

Ammazzunati, dintra a 'na carretta, 
ca navi chiama qualchi scuscinziatu, 
sfidanu l'ira di lu Nostru Mari. 

S'arribbella 'a natura e fa vinnitta! 
l'azzurru sicilianu, assà 'ncazzatu, 
l'affunna e po' 'i scuncerta; 
e 'i fa attruvari suli, 
comu li cani, a galleggiari

'A storia 'mpara: 
Mentri su' vivi, ccà, nun li vulemu; 
si su' morti, "Mischini" cci dicemu.

                                                                                                                                              

SOLI COME I CANI

Fuggono, dalla terra dove sono nati!
Attraversano deserti, monti e mari! 

con forzata malavoglia pagano il pizzo 
ai boia! per recarsi in terra straniera, 
affrontano il mistero! 
Vanno via con poche cose addosso! 
Alcuni di loro, non potendo abbandonare 
i piccoli, hanno dovuto portarli seco 
e li hanno esposti all'acqua, al sole e al vento! 
Affastellati dentro una carretta,
che alcuni incoscienti

chiamano nave, sfidano l'ira del Mare Nostrum.

La natura si ribella e si vendica. 
adiratissime, le azzurre acque siciliane 
li annegano e poi li rigurgitano; 
e li fanno ritrovare a galleggiare,
soli, come cani randagi!

La storia insegna: 
Mentre sono vivi, non li vogliamo in terra nostra; 
quando muoiono, diciamo loro: "Poverini!"