GTranslate

Chi è online

Abbiamo 223 visitatori e nessun utente online

 

13° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2013-2014

Presidente: Dr. Francesco Racalbuto



DOPU, FINUTA A GUERRA
Carmelo Santrone

DOPU, FINUTA A GUERRA

Dopu, finuta a guerra
sapissivu chi c’era
ni stu paisi, nudu
struppiatu di surdati.
Mura assubbissati
strati, comu trazzeri
monumenti caduti
e, fimmini anniuruti.
Ddri pochi carusazzi
cchi causa e i scarpuna
jucavanu ‘ppi strata
inquitannu i “Puzintuna”.
N’i strati da Marina,
scassati doppu i bummi,
fimmini assittati fora
a livari pidocci e figli.
U pani ni ‘ddri jorna
era straniatu assai
fattu di carrubba
e di farina ‘i favi.
U cafè sulu a matina,
cu tanticchia di surrugatu
e, siccomu nun c’era zuccuru
si viviva comu jadè.
A stazioni senza caselli,
era cina di surdati,
cò partiva ppa so casa,
co viniva dopu a guerra.
Stanchi, sicchi e feriti
s’arricugliunu i surdati
dopu tantu scantu e friddu
ca, parivanu annasinuti.
I muglieri, mancu a dirlu,
si stringivunu n’u cori,
e, anchi si erunu struppiati
s’abbrazzavanu, erunu vivi.
A campana di l’orologiu
unn’aviva cchiù a campana,
e anchi i cesi un’havivanu cciù
ppi sunari “Ave Maria”.
E a sira, e setti o prima
tutti d’intra cchi cannili;
riccu era cu aviva
un lumi, cinu di petroliu.
V’haiu cuntatu picciutteddri
tuttu chiddru c’accadiu
ppi na guerra maliditta
ca purtà sulu ruvina.
Stati attenti, vattri ora,
e taliati a cò cumanna,
accussì appena u vidìti, 
arripigliati a co sbaglia.
U munnu, si sapi,
è na palla ca gira;
tuttu chiddu ca passa
ava a viniri arrè.

DOPO, FINITA LA GUERRA

Dopo, finita la guerra
voglio dirvi cosa c’era
in questo paese, nudo
rovinato con solo soldati
Mura cadute,
strade, come trazzere
monumenti diroccati
e, donne vestite di nero.
Quei pochi ragazzacci
con i calzoni (corti) e scarpacce
giocavano per strada
disturbando i “Potenti”.
Nelle strade della Marina,
rotte dalle bombe,
donne sedute fuori 
a levare pidocchi ai figli.
Il pane in quei giorni
era strano assai
fatto con carrubbe
e con farina di fave.
Il caffè solo la mattina,
con un po’ di surrogato
e, siccome non c’era zucchero
si beveva in qualsiasi modo.
La stazione, senza caselli,
era piena di soldati,
chi partiva per la sua casa,
chi veniva dopo la guerra.
Stanchi, dimagriti e feriti
rientravano i soldati
dopo tante paure e freddo
tanto da sembrare rimbambiti.
Le mogli, manco a dirlo,
se li stingevano al cuore
e anche se erano storpi
li abbracciavano, erano vivi.
La torre dell’orologio (al Comune)
non aveva più campana,
ed anche le chiese non le avevano
per suonare l’Ave Maria.
E la sera, alle sette o prima
tutti erano in casa con le candele; 
ricco era chi aveva
un lume, pieno di petrolio.
Vi ho raccontato giovanotti
tutto quello che è accaduto
per una guerra maledetta
che ha portato solo rovina.
State attenti, voi altri ora,
e guardate chi comanda,
così quando sbagliano,
potete correggerli
Il mondo si sa,
è una palla che gira:
tutto quello che passa
ritornerà di nuovo.