GTranslate

Chi è online

Abbiamo 58 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2018-2019  
Presidente: Angelo Pintacrona

 

18° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE POESIE

QUANNU ME NANNU
Giuseppe Mannino

 

 

 

QUANNU ME’ NANNU

 

Quannu me’ nannu mi dissi

ca lu vinu si po’ fari puru cu la racina

mi vinni ‘na granni smania

di cultivari la vigna.

Quantu travagghiu prima di la vinnigna!

putari, zappari, ‘mpupari

e pi furtuna

ca ‘un la pigghiò la farinedda.

Granni festa cci fu pi la vinnigna

canti curali e sbriu ‘n famigghia

manciannu sardi salati e murtadella.

Poi ballamu ‘nta la tina

pi scafazzari la racina

purtannu lu mustu a la cantina.

Nuddu ti vattiò sucu di racina

e tastannu tastannu lu liveddu scinnia

futtennuminni siddu la vutti

‘un era cchiù china.

Mentri allitratu trabballavu

facennu un passu avanti e du’ nnarreri

mi vinni ‘n menti un dettu paisanu...

e allungannu lu vrazzu cu la chiavi ‘n manu

‘ntra mia e mia dissi:

“Siddu è veru ca lu munnu gira

la me’ casa havi a passari di ccà”.


QUANDO MIO NONNO

 

Quando mio nonno mi disse

che il vino si può fare anche con l’uva

mi è venuta una grande smania

di coltivare la vigna.

Quanto lavoro prima della vendemmia

potare, zappare, impupare

e per fortuna

che non ha preso l’oidio. (fungo della vite)

Grande festa ci fu per la vendemmia

canti rurali e allegria in famiglia

mangiando pane con sarde salate e mortadella.

Poi balliamo dentro il tino

per schiacciare l’uva

portando il mosto in cantina.

Nerssuno ti ha battezzato succo d’uva

E bevendo bevendo il livello scendeva

freghiamocene se la botte

non era più piena.

Mentre ubbriaco traballavo

Facendo un passo avanti e due indietro

Mi venne in mente un detto paesano…

e allungando il braccio con la chiave in mano

tra me e me dissi:

Se è vero che il mondo gira

la mia casa deve passare di qui.