GTranslate

Chi è online

Abbiamo 70 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2018-2019  
Presidente: Angelo Pintacrona

 

18° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE POESIE

RABBIA E SPIRANZA
Salvatore Amico (Palma di Montechiaro)

 

 

 

 

RABBIA E SPIRANZA

Sicilia quannu a riiri la testa,

quannu te vidiri comu populu ca protesta.

Lu to cori granni e cinu di passioni

ti fa scurdari li mali parti e mali azioni,

Populu orgogliusu e prepotenti

si venticativu sulu cu, li to parenti.

Ti vidu ogni giorno ciù vacanti

la genti parti picchi nun offri nenti.

Ni tennu ancora ca testa calata

comu indra na lanna di sarda salata,

si scquazzanu sulu a vucca, ca va cangiari

ma cu cumanna a Sicilia ci piaci sulu cumannari.

La nostra paisana Rosa,
ci li canta in tutti li maneri

di comu si sta ni li casi e darre li cantuneri.

N'avianu illusu ca qualchi cosa stava cangiannu

ma ficiru ogni giornu sempri ciù dannu.

Ora ogni famiglia avi un fìgliu foresteri

e nu c'è ciù versu di riturnari,                                                              

casi abbannunati

e li beddri terri senza cuvirnati.

Nu si dunanu nessuna mossa si guvirnati

a voglia ca gridammu, un sentinu nenti.

Povira Sicilia terra fertili di suli e mari

mi dispiaci, forsi, anch'iu te abbannunari,

ma lu me cori resta ni sta terra

unni nascivu dopu la guerra,

ma è na paci apparenti e virtuali

si ni niemmu pi putiri campari.

                                                                                                                                                                                                                                                     

RABBIA E SPERANZA

Sicilia quando devi alzare la testa

quando ti devo vedere come popolo che protesta

II tuo cuore è grande e pieno di passione

ti fa dimenticare le male parti e le male azioni

Popolo orgoglioso è prepotente

sei vendicativo solo con i tuoi parenti

Ti vedo ogni giorno sempre più vacante
La gente parte perché non offri niente.

ci tengono ancora con la testa abbassata come dentro una scatola di sarda salata,

si sciacquano solo la bocca che si deve cambiare ma chi comanda la Sicilia pensa solo a comandare. La nostra paesana Rosa
glieli ha cantate in tutte le maniere

di come si sta dentro le case e dietro le cantoniere.

Ci avevano illuso che qualcosa stava cambiando

ma invece ogni giorno hanno fatto sempre più danno. Oggi ogni famiglia ha un figlio forestiere

e non c'è più verso che possa ritornare,

tra qualche anno resteranno solo case abbandonate

e le belle terre senza più lavorate

non si danno nessuna mossa questi governanti anche se gridiamo non sentono niente.

Povera Sicilia terra fertile di sole e mare

mi dispiace, forse, anch'io ti devo abbandonare,

ma il mio cuore resta in questa terra

dove sono nato dopo la guerra

ma la pace è solo apparente e virtuale

se ci tocca andare via per poter campare.