GTranslate

Chi è online

Abbiamo 82 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2018-2019  
Presidente: Angelo Pintacrona

 

18° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE POESIE

SBOGGHIA LA MUSA
Gaetano Lia

 

 

SBOGGHIA LA MUSA...

Quannu la notti scinni silinziusa

e milli luci ḍḍumunu lu scuru

dintra lu cori si sbògghia la musa

e li ma sonna metti tutti a nuru

sonna priziusi… ca  nun sàcciu diri

rapunu l’ali pronti pi vulari

supra nu celu ca nun po finiri

milli paroli partunu a cantari…

Sbògghia la musa… nasci la puisia

dintra n suspiru volunu pinzera

ca comu vampi partunu di mia

e pi lu munnu trovunu sintera

portunu luci comu li faiḍḍi

dintra lu friddu di troppi nuttati

comu punzeḍḍa ḍḍumunu li stiḍḍi

di tanti cela sempri cchiù stutati.

Sbogghia la musa… sentu li campani

sciuscia ‘nta l’aria sciauru di vita

e di sta vita mi lìnchiu li mani

e tanta ancora scurri ntra li jta

nun c’è carizza ca mi po saziari

comu la vuci di la musa mia

e comu un figghiu mi lassu ncantari

dintra la naca… di la puisia!

                                                                                                                                                                                                                                                     

SI SVEGLIA LA MUSA…

Quando la notte scende silenziosa

e mille luci accendono il buio

dentro il cuore si sveglia la musa

e i miei sogni mette tutti a nudo

sogni preziosi… che non so dire

aprono le ali pronti per volare

sopra un cielo che non può finire

mille parole iniziano a cantare.

Si sveglia la musa… nasce la poesia

dentro un sospiro volano pensieri

che come vampe partono da me

e per il mondo trovano sentieri

portano luce come le faville

dentro il freddo di troppe nottate

come pennelli accendono le stelle

di tanti cieli sempre più spenti.

Si sveglia la musa… sento le campane

soffia nell’aria profumo di vita

e di questa vita mi riempio le mani

e tanta ancora scorre tra le dita

non c’è carezza che mi può saziare

come la voce della musa mia

e come un figlio mi lascio incantare

dentro la culla… della poesia!