GTranslate

Chi è online

Abbiamo 89 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2018-2019  
Presidente: Angelo Pintacrona

18° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

 

LA SICILIA D’AVANTI A TE S’INCHINA       
(A ROSA BALISTRERI)

Biagio Fichera

 

 

 

 

Oh! Cristo tu perché te la sei portata

e così in quel momento strano, hai aperto le tue porte

e l’hai abbracciata

Ma tu la volevi proprio

nel tuo regno,
lo sai, però, la voce di lei è viva
e resta in questa terra la Regina.

Rusidda, ti facevi sempre guerra
perché volevi pace in questa terra

e quando te ne sei andata da questo mondo 

e tu Rusidda mia si sempri ca.

Il sole e la luna si sono spenti

 Lo sai tu ci hai lasciato la tua voce

e tu, Rusidda, sei sempre qui.

Ci manca il tuo canto,
ci manca il tuo racconto
e tutte le tue pene

te le sei portate là

Il tuo dolore al vento
son solo insegnamento,
stringiamo  due pugna assai

per non soffrire più

Lo sai, Rusidda mia,
se ti ascoltiamo
sentiamo il tuo grido
a bocca chiusa

E quando te ne sei andata

e ci hai lasciato
anche gli uccellini un momento
hanno fermato il loro canto

e si sono nascosti 

Ci manca il tuo canto,
ci manca il tuo racconto
e tutte le tue pene

te le sei portate là

Il tuo dolore al vento
son solo insegnamento,
stringiamo  due pugna assai

per non soffrire più

 

                           

                   

 

Oh! Cristo tu perché te la sei portata

e così in quel momento strano,

hai aperto le tue porte

e l’hai abbracciata

Ma tu la volevi proprio

nel tuo regno,
lo sai, però, la voce di lei è viva
e resta in questa terra la Regina.

Rusidda, ti facevi sempre guerra
perché volevi pace in questa terra

e quando te ne sei andata da questo mondo 

Il sole e la luna si sono spenti

Lo sai tu ci hai lasciato la tua voce

e tu, Rusidda,
sei sempre qui.

Ci manca il tuo canto,
ci manca il tuo racconto
e tutte le tue pene

te le sei portate là

Il tuo dolore al vento
son solo insegnamento,
stringiamo  due pugna assai

per non soffrire più

Lo sai, Rusidda mia,
se ti ascoltiamo
sentiamo il tuo grido
a bocca chiusa

E quando te ne sei andata

e ci hai lasciato
anche gli uccellini un momento
hanno fermato il loro canto

e si sono nascosti 

Ci manca il tuo canto,
ci manca il tuo racconto
e tutte le tue pene

te le sei portate là

Il tuo dolore al vento
son solo insegnamento,
stringiamo  due pugna assai

per non soffrire più