GTranslate

Chi è online

Abbiamo 124 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2018-2019  
Presidente: Angelo Pintacrona

18° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

 

LA SICILIA D’AVANTI A TE S’INCHINA       
(A ROSA BALISTRERI)

Biagio Fichera

 

 

 

 

Oh Cristu,

Tu pirchì ti la purtasti?

E  poi, pirchì,  

‘nda ddu’ mumentu

chiudìsti li so’ porti

e la stingisti ‘nda li vrazza tò!

Ma la vulevi proprio ‘ndo  tò Regnu?

Rusidda,

la to’ vuci  è sempri viva,

tu fusti la riggìna di ‘sta terra

e quannu ti nni ìjsti,

lu suli ccu’ la luna s’astutàru.

Lu sai, tu ni lassasti

la vuci tò, la vuci tò divina.

Iù ti lu dicu, tu ni manchi tantu,

ni manca lu to’ cuntu  e lu tò cantu.

Oh Cristu,

ma pirchì ti la purtasti?

Lu sai, però,

ca ni cunzòla;

dda’ vuci la sintèmu

e la tinèmu stritta sempri ccà!

E poi, chiudèmu l’occhi e l’ascutàmu!.

Rusidda,  

la Sicilia a ttìa s’inchina,

tu fusti di ‘sta terra sulu vantu

di quannu ni lassasti

‘nda lu silenziu di lu munnu stranu.

Lu sai, ca ppi’ ‘n mumentu,

lu cantu di l’aceddi si firmàu!

La  vuci tò si la purtàu lu ventu

e la trascina ppi lu munnu sanu.

Tu, ppi sempri

si scritta ‘nda lu libbru

di li  nostri usànzi!                                          

                                     

 

 

 

Oh Cristo,

perché te la sei portata?

E poi, perché

in quel momento

ci hai lasciati allo scuro

mentre la stringevi tra le tue braccia!

Ma la volevi proprio nel tuo Regno?

Rusidda,

la tua voce è sempre viva;

tu sei stata la regina di questa terra,

e quando te ne andasti,

il sole con la luna, si sono spenti.

Lo sai, tu ci hai lasciato

la tua voce, la voce tua divina.

Io te lo dico, tu ci manchi tanto,

ci manca il tuo “cuntu” ed il tuo “canto”.

Oh Cristo,

ma perché te la sei portata?

Lo sai, però,

siamo tranquilli;

la sua voce l’ascoltiamo

e ce la teniamo sempre stretta,

e poi, chiudiamo gli occhi  e ti seguiamo!

Rusidda,

la Sicilia, a te s’inchina,

sei stata per questa terra sempre un vanto

da quando ci hai lasciati

nel silenzio di questo mondo strano.

Lo sai, che per un momento

il canto degli uccelli si era fermato!

La tua voce se la portò il vento

e adesso, la trascina per il mondo intero.

Tu, per sempre,

sei scritta nel libro

delle nostre usanze!