GTranslate

Chi è online

Abbiamo 75 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2017-2018  
Presidente: Agostino Balsamo

17 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE CANZONI

 

SERENATA DI CANTISTA
GAGLIO - MARINO


 

 


SERENATA DI CANTISTA
Addrivìgliati e senti 'u me parlari:
hàiu datu la vuci a chistu e chiddru;
ma è juntu lu mumentu di cantari
sulu pi mia e pi lu me disiddru.
Ti cantu 'sta canzuna a notti funna
pirchì di la to luci hàiu bisognu.
Lu cori è ni l’angoscia e ni iddra spunna,
si nun t’affacci, o fìmmina di sognu.
Si tu t’affacci, affàccianu li stiddri;
si tu mi spunti, la to facci è luna:
lu cori friddu m’inghi arrè di azziddri
e arduri senza fini po’ mi duna.
Chi fussi bellu vìditi affacciari
e l’occhi m’allustrari a la to vista.
Chi fussi bellu vìditi spuntari
pi 'stu poviru cori di cantista.
Affàcciati, ca volu a la conquista.
Spunta, ca vegnu l’alba ad affirrari.
O vita o vita, nun éssimi trista:
'ddra finistreddra, falla sbarracari!

SERENATA DI CANTANTE
Risvegliati ed ascolta il mio parlare:
ho prestato la voce a questo e quello;
ma è giunto ora il momento di cantare
solo per me e per il mio desiderio.
Ti canto questo canto a notte fonda
perché della tua luce ho gran bisogno.
Il cuore è nell’angoscia vi sprofonda,
se non ti affacci, o femmina di sogno.
Se tu ti affacci, affacciano le stelle;
se tu mi spunti, la tua faccia è luna:
il cuore freddo mi riempie di brividi
e ardore senza fine poi mi dona.
Sarebbe bello vederti affacciare,
e gli occhi illuminarmi alla tua vista.
Sarebbe bello vederti spuntare
per questo umile cuore di cantante.
Affacciati, che volo alla conquista.
Spunta, che vengo l’alba ad afferrare.
O vita o vita, non essermi trista:
quella finestra, falla spalancare!