GTranslate

Chi è online

Abbiamo 86 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2017-2018  
Presidente: Agostino Balsamo

17 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE CANZONI

 

VIRI E NUN VIRI
ENZA STRAZZULLA
duo Coppola

 

 


VIRI  E  NUN  VIRI

 

Tiempu, bontiempu e malutiempu

terra ca spunta di lu mari

vientu ca porta la to vuci

alla ntisa di lu re

Ugghi lu mari di sicilia

Viru 'n palazzu ca nun c'era

La fata nto strittu di Missina si voli arripusari

E intantu Ruggeru passiava e pinzava

sta terra cca 'nfacci mi chiama, mi chiama

Lu vecchiu ci rissi sua maestà

E' ura d'arristari i sarracini

E' u populu ca vi lu dumanna e orici puru Diu

Ruggeru si stava ntraugghiennu

La bedda Morgana lu capiu

M'abbasta ca rici na parola e la Sicilia è tua

E intantu Ruggeru passiava e pinzava

sta terra cca 'nfacci mi chiama, mi chiama

 

E comu è, comu nunnè

la storia vosi dari ragiuni o re

E comu fu, comu nun fu

ora lu viri e dopu nun c'è chiù

VIRI E NUN VIRI

 

Tempo, buontempo e maltempo
terra che spunti dal mare
vento che porta la tua voce
alle orecchie del re

Bolle il mare di Sicilia
Vedo un palazzo che non c’era
La fata nello stretto di Messina volle riposarsi

E intanto il Re passeggiva e pensava:
questa terra che in faccia
mi chiama, mi chiama

Il vecchio gli disse: sua Maestà
è ora di fermare i saraceni,
è il popolo che ve lo chiede
ed ora pure Dio

Ruggero si stava arrabbiando
La bella Morgana lo capì
Mi basta che dici una parola
e la Sicilia è tua.

E intanto il Re passeggiva
e pensava:
questa terra che in faccia
mi chiama, mi chiama

E com’è e come non è
la storia volle dare ragione al Re
E come fu e come non fu
ora lo vedi e dopo non c’è più.