GTranslate

Chi è online

Abbiamo 415 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2017-2018  
Presidente: Agostino Balsamo

17 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE POESIE

 

SFIDO' LA MORTI
ANDREA MANCUSO

 

 


SFIDO’ LA MORTI

 

Era già' notti e c’era assai scuru,

a luna da' sira s’era ammucciata
darreri na muntagna.

Pighhio' u cavaddu u chiù' veloci ca' aveva

u sillo', u purto' fora ra stadda,
u munto' e partiu.

Lu faciva tutti li notti, lu faciva tutti li notti.

Cuminciava a curriri un sapennu runni iri,

accussi' senza meta, jddu curreva, curreva

chiù' veloci ru ventu , e mentri galoppava

jttava vuci chiamannu u nomi r'una fimmina.

Lu faciva tutti li notti, lu faciva tutti li notti

Pareva un pazzu
ancora un sera rassignatu.

Un vuleva accittari ca lu so amuri era vulatu.

arrubbata alla vita, da una morti
ca 'unn'aveva avutu pietà' runa picciotta
ancora giovani e forti.

Lu faciva tutti li notti, lu faciva tutti li notti.

Lu duluri era statu talmente forti

ca' aveva addecisu di sfidari la morti.

S’hai curaggiu pigghiati puru ammia (diceva)

iu un mi scantu ri tia,
m'arrubasti la cosa chiù' bedda c’avia.

Lu faciva tutti li notti, lu faciva tutti li notti.

E accussi' una sira la morti
accuntinto' stu omu curaggiusu

ca p'amuri, era addivitatu un pazzu furiusu.

Viri l'amuri quannu e' veru amuri

mancu dilla morti avi timuri.

Lu faciva tutti li notti , lu faciva tutti li notti.                                 

     

SFIDO’ LA MORTE 

      

Era già' notte ed era molto buio

la luna si era nascosta
dietro una nuvola.

Prese il cavallo più' veloce che aveva

lo sellò, lo porto fuori dalla stalla,
lo montò e partì.

Lo faceva tutte le notti, lo faceva tutte le notti.

Cominciava a correre non sapendo dove andare,

così senza meta, luì correva, correva

più veloce del vento e mentre gallopava

gridava e chiamava il nome di una donna.

Lo faceva tutte le notti, lo faceva tutte le notti.

Sembrava un pazzo,
ancora non si era rassegnato.
Non voleva accettare che il suo amore era volato.

rubato alla vita, dalla morte
che non aveva avuto pietà di una giovane donna ancora forte.

Lo faceva tutte le notti, lo faceva tutte le notti.

Il dolore era stato talmente forte

che aveva deciso di sfidare la morte.

Se hai coraggio prenditi pure me (diceva)

io non ho paura di te,
mi hai rubato la cosa più bella che avevo.

Lo faceva tutte le notti, lo faceva tutte le notti.

E così una sera la morte accontentò
quest'uomo coraggioso,

che per amore, era diventato un pazzo furioso.

Vedi l'amore quando è vero amore

neanche della morte ha timore.

Lo faceva tutte le notti, lo faceva tutte le notti.