GTranslate

Chi è online

Abbiamo 760 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2017-2018  
Presidente: Agostino Balsamo

17 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE CANZONI

 

SICILIANNUI LA TO STORIA
LOREDANA CAVALLARO

 

 


SICILiANNU LA TO STORIA 


Nascisti allu spriveri, dallu funnu di lu mari
comu nu diamanti ora brilli o suli
Terra di milli capineri, terra di gloria
la to storia é, chjna di lacrimi e pr]ghieri
di pirati cavarcunu u to mari
di rivoluzioni di povira genti
di latri di martiri e briganti

Rit. Fusti di tutti derubata e calpistata
maltrattata ma poi disidirata
Terra matri terra patri
dopo chjddu ca passasti, la to dignita'
e, un beni ca non pirdisti
Si pusaru supra di tia igreci
li normanni l'arabi  e li turchi
ci puttaru li so armi
ti strazzaru puri u cori e si sucaru
sangu dalli vini, ma l'unuri no t'apparteni
S' innamurau di tia un generali
paitiu cu milli e lu to regnu
mancava l'impronta allu stivali
lu to cori e la to firma allu guvernu
rit. Fusti di tutti derubata e capistata
maltrattata ma poi disidirata
terra matri terra patri
dopo chjddu ca passasti, la to dignita,
e, un beni ca non pirdisti
Terra di ciuri e culluri, d icanti e di passiuni
di cieli unnI splenni sempre u suli,

unni non c’è chju, ombra di cu ti fici mali.

SICILIANDO AL TUA STORIA

Sei nata nel mezzo dei venti

dal fondo del mare, come un diamante

Ora brilli sotto il sole

terra di mille capinere terra di gloria

La tua storia e' piena di lacrime

e preghiere, di pirati che hanno varcato

i tuoi mari, di rivoluzioni di povera

gente, di ladri, martiri e briganti

Rit. sei stata da tutti derubata, calpestata

e violentata ma poi desiderata

Terra madre, terra padre, dopo tutto quello

che hai passato la dignità è un bene

che non hai mai perso

Si sono posati sopra dite, greci, normanni

arabi e turchi, hanno portato le loro

armi, ti hanno strappato pure il cuore

e succhiato il sangue dalle vene

ma l'onore quello no, t'appartiene

Si e'innamorato dite un generale

e' partito con mille e il tuo regno

mancava l'impronta allo stivale il tuo

cuore e la tua firma al governo

rit. Sei stata da tutti derubata, calpestata

e violentata ma poi desiderata

Terra madre, terra padre, dopo tutto quello

che hai passato la dignità e' un bene

che non hai mai perso

Terra di profumi e di colori, di canti e di passioni,

di cieli dove splende sempre il sole,

dove ora non c'e' più ombra di chi ti ha fatto tanto male.