GTranslate

Chi è online

Abbiamo 33 visitatori e nessun utente online

 

13° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2013-2014

Presidente: Dr. Francesco Racalbuto



LU SURFATARU
Felice Rindone

LU SURFATARU
Vidi chi vita fa lu surfararu,

ca notti e jornu si fà dda trazzera
ccu la sacchina e la citalena 
sulu suliddu cala a la pirrera.

Si nni scinni e nun sapi siddu acchiana,
e siddu mori nuddru sinn'adduna 
ppi tecchia di pani assai si suvava 
e nudu comu un pisci travagliava

Cu a ottanni e cu a diciannovanni 
cu ci trasia si sintia ranni, 
ca lu bisognu jera accussì assai 
jeranu tempa di fami e di guai

E quannu d'inntra iddru nisciva 
a mogli e figli n'frunti li vasava 
pirchi si ppi casu chiù nun riturnaja 
ppi l'urtima vota iddru li salutava

                                                                                             

IL SOLFATARO 
(minatore nelle minere di zolfo)

Vedi che vita fa il solfataro
che notte e giorno fa quella trazzera, 
con la sacca e il lume ad acetilene 
solo soletto scende nella miniera

Se ne scende e non sa se risalirà
e se muore nessuno se ne accorge
per un pezzo di pane assai si sudava
e nudo come un pesce lavorava

Chi cominciava a otto anni e chi a diaciannove, 
chi ci entrava e si sentiva grande, 
perché il bisogno era assai, 
erano tempi di fame e di guerra

E quando egli di casa usciva
a moglie e figli in fronte li baciava, 
perché se per caso non fosse ritornato, 
per l’ultima volta egli li salutava


Note sul compositore: Felice Rindone, risiede in Riesi, dove opera come artista nella lavorazione del marmo scolpito, della vetroresina, della terra cotta e dei gessi policromi. Nel 2002, assume l’incarico di direttore artistico della fonderia Artistica di Riesi,e inizia il percorso di sculture realizzate per conto della fonderia stessa, per vari committenti privati e pubblici: primo monumento dedicato all’Arma di Carabinieri per la nuova caserma a Ries, fonde i due portoni bronzei per la Chiesa di S.Oliva, Monumento “Omaggio all’Emigrante” per il Rotary di Niscemi, scolpisce la grande statua di San Francesco alta tre metri e il bassorilievo in bronzo della prima stazione della Via Crucis raffigurante l’Ecce Homo per il Comune di Butera, rifinsce la Pala del nuovo Altare e Ambone della Chiesa Madre a Riesi, Nel 2011 Compone l’opera dialettale LU VENNIRI MATINU, lauda dialogata sul venerdì santo a Riesi, cui segue l’opera musico poetica PPI TIA CANTU, omaggio alla scalinata di San Giuseppe. Dal 2010 periodicamente presenta e porta in giro assieme ALL’ASSOCIAZIONE CULTURALE “CANTU E CUNTU” di cui ne è il fondatore e il presidente, il TRIBUTO A ROSA BALISTRERI.