GTranslate

Chi è online

Abbiamo 276 visitatori e nessun utente online

 

13° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2013-2014

Presidente: Dr. Francesco Racalbuto



QUANNU AVIVA LU CARRETTU
Alfio Naso
2 classificata

 

QUANNU AVEVA LU CARRETTU
Cc"u cavaddu e lu carrettu!, 
li basetti a quadarara, (1)
picciutteddu, ancora schettu, 
mi ni jeva a la Pidara.
Ppi lu pani vadagnari 
ogni strata e ogni vanedda 
mi minteva a vanniari: 
"Favi, ciciri e buzzedda” !
Cuppulidda siciliana, 
a vilanza ccu li pisi, 
tutti 'i j orna d"a simana 
fimmineddi attorrnu misi.
'Nta la strata d"u stazzuni (2)
scartiava forti 'a zzotta 
ca, affacciata a lu balcuni, 
m'aspittava 'na picciotta.
Ccu 'n surrisu ca 'ncantava 
e l'ucchiuzzi ammaliaturi; 
'n vasuneddu ci mannava, 
ci diceva: " Scinni amuri! '
Li so baci appassiunati 
e li duci so' palori 
mi ristaru 'ntrinsicati 
'nta lu funnu di lu cori.
E si spunna lu me pettu 
ricurdannu 'a giuvintù, 
lu cavaddu e lu carrettu 
ca ormai non ci su' chiù.
Nta 'dda strata d"u stazzuni
non s'affaccia 'dda picciotta, 
ristò mutu lu balcuni, 
non si senti 'n corpu 'i zzotta. 
1) alla quadarara: tipo di basette caratteristiche

dei carrettieri,che si allargano fin sopra gli zigomi

                                                                                                    

QUANDO AVEVO IL CARRETTO
Con il cavallo ed il carretto, 
le basette "alla quadarara", 
giovanotto, ancora scapolo, 
me ne andavo a Pedara.
Per guadagnare  il pane, 
in ogni strada, in ogni vicolo
mi mettevo a gridare: 
"Fave, ceci e piselli! '
La berretta siciliana, 
la bilancia con i pesi, 
tutti i giorni della settimana 
donzellette messe.attorno 
Nella strada dello "stazzone" (2) 
davo forte con la frusta, 
che affacciata ad un balcone 
mi aspettava una fanciulla.
Col sorriso che incantava 
e con occhi ammaliatori; 
un bacetto le mandavo e dicevo: 
"Scendi amore!"
I suoi baci appassionati 
e le dolci sue parole 
son rimasti incastonati 
nel profondo del mio cuore.
E si sfonda ancora il petto 
pensando alla mia gioventù, 
al cavallo ed al carretto 
che ormai non ci son più.
Nella strada dello "stazzone" 
non s'affaccia la fanciulla, 
ora è muto quel balcone, 
non si sente più la frusta.
2) stazzone: fabbrica di terrecotte e lavorazioni

d'argilla con slargo caratteristico

                                                                                                                 


Alfio Naso poeta, attore e cantore di Sicilia nasce a Belpasso il 15 Giugno del 1938, fin da ragazzo ha coltivato la passione per la poesia dialettale siciliana e per le tradizioni della nostra terra.
Col tempo ha raggiunto una grande fama per le sue doti di spontanietà e le sue liriche che sanno toccare le corde del cuore, sia per i temi trattati, sia per la musicalità e l'armonia dei suoi versi sono presenti in diverse antologie.
Compone, così, quasi di getto, le liriche: SICILIA TERRA D'AMURI, PAISI MIU, NON MI PARI TU e CORI D'EMIGRANTI, dove il poeta rievoca con commozione e accenti toccanti i luoghi della gioventù e il caro paese visto nei suoi aspetti più intimi e riposti.