GTranslate

Chi è online

Abbiamo 134 visitatori e nessun utente online

 

13° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2013-2014

Presidente: Dr. Francesco Racalbuto



CU VOLI PUISISA VEGNA IN SICILIA
Insinna Emanuele
1° classificata

Cu voli puisia vegna n Sicilia 
Veni, veni a canusciri la me terra 
ciaurusa di zabbari e ficudinnia, 
cu limuni in ciuri e aranci d’oru 
ca sfaiddanu ‘ntra virdi fogghi. 
Di lu celu d’azzolu 
ciuscia un ventu ammagaturi 
ca porta l'anticu ciavuru
di mennuli amari, zammù e rosamarinu. 
La me terra, di granu, di jardini e nitti marini, 
unni ardinu ‘nta la notti stiddi d’argentu vivu
e la chiaria di la gran matri bianca 
sfaiddìa ‘ntra l’unni di lu mari,
e ntra li scogghi odurusi 
risona la miludia d’amuri
ca nasci mentri mori e nun s'abbaca mai,
pi sta terra di liggenni e dii. 
Eterna è la puisia di la me terra 
unni lu mirtu amurusu 
s’ammisca cu lu summu addauru
‘ntra canti d’aceddi, zurriu di fogghi
e vuci miludiusi d’acqui virgini
ca scurrinu accarizzannu l’irvicedda,
abbrazzannu cu lu so frescura l'arvuli e li ciuri 
e comu la spusa ‘nnammurata 
abbrazza lu so amuri. 
Sta terra la senti ‘nta la peddi 
come ruggia di mare 
e comu camula lassa lu so signu 
‘nto cori di l’arma.
Terra di focu, di culuri ardenti 
d’antichi vuci e di sacri petri,
t'accarizza li pinzeri
e ti fa sunnari cu alligria di cori. 
Ti lassa lu ricordu di un teneru incontru
ed aspergi di piaciri li misèri di la vita. 
Tu, picciriddu, viri sta terra; 
vivi nni idda; ma l'ami? 
Pi amari bisogna canusciri 
Veni, 
venimi a truvari, 
ca ti la fazzu canusciri.

                                                                                                    

 

Chi vuole poesia venga in Sicilia 

Vieni, vieni a conoscere la mia terra
odorosa d'agave e fichidindia, 
con limoni in fiore e aranci d'oro
che luccicano tra verdi foglie. 
Dal cielo azzurro
soffia un vento incantatore
che porta l’antico odore
di mandorle amare, anice e rosmarino. 
La mia terra, di grano, di giardini e limpide marine,

dove ardono nella notte stelle d'argento vivo 

e il chiarore della gran madre bianca 
sfavilla tra le onde del mare, 
e tra gli scogli odorosi
risuona la melodia d'amore 
che nasce mentre muore e non scema mai, 
per questa terra di leggende e dei.
Eterna è la poesia della mia terra, 
dove il mirto amoroso 
s'immischia con il sommo alloro
tra canti d'uccelli, sussurri di foglie
e voci melodiose d'acque vergini 
che scorrono accarezzando l'erbetta,
abbracciando con la sua frescura gli alberi

e i fiori come la sposa innamorata 
abbraccia il suo amore. 
Questa terra la senti nella pelle
come salsedine di mare 
e come tarlo lascia il sue segno
nel cuore dell'anima. 
Terra di fuoco,  dai colori ardenti, 
d'antiche voci / e di sacre pietre, 
t'accarezza i pensieri 
e ti fa sognare con allegria del cuore. 
Ti lascia un ricordo di tenero incontro
ed asperge di piacere le miserie della vita. 
Tu, fanciullo, vedi questa terra;
vivi in lei; ma l'ami? 
Per amare bisogna conoscere. 
Vieni, 
vienimi a trovare 
che te la faccio conoscere.


Emanuele Insinna , palermitano, ha iniziato a scrivere poesie in vernacolo e in italiano, da quando è andato in pensione nel 2002, ha partecipato a diversi concorsi di poesia ed ha avuto riconoscimenti tra cui: Premio Poesia Nuove luci 2007 Palermo, 2° classificato; Premio di poesia Giacomo Giardina 2009, Segnalato; Città di Partanna 2009 Pubblicazione. Ha scritto, nel 2004, per il periodico d’informazione culturale Agorà di Catania