GTranslate

Chi è online

Abbiamo 750 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

ITIVINNI, PICCIOTTI 
Gaetano Balsamo

I SCOGGHI DI SAN GIUANNI LI CUTI

Pinsannucci bbonu fossi
era megghiu suddu ca ju
era comu i scogghi di San Giuanni Li Cuti.

Pocu cchiù ca picciriddu abitannu a la Stazioni

na di scogghi niuri mi passava li jurnati.

Iddi jerunu e ancora su dda.

Quantu cosi hannu vistu e 'ntisu
senza mai parrari.

A temp’istati, cuperti di tavuli i lignu

azziccati che chiova,
comu i feriti no ciancu dò Signuri,

iddi sintevanu u ciauru

de mulingiani friuti né cabbini,

s’annerbuliavanu ppi tutti i sciarriatini

ascutavanu u chiantu de picciriddi,

u friscarii di l'ariddi,

i primi tuccatini, i primi fuitini,

Supra a testa cch' annu acchianatu,

acqua, ventu , suli, mari

je sali hannu pigghiatu.

Quantu cosi hannu vistu e 'ntisu

senza mai parrari.

Iddi su comu ammia, niuri, vecchi,

arrappati, tutti pirciati.

Quantu cosi hannu vistu e 'ntisu

senza mai parrari.

Ieppuru iddi non su comu a mmia:

ju aja parratu.

                                                                                                               

GLI SCOGLI DI SAN GIOVANNI LI CUTI

Pensandoci bene forse 
era meglio se io fossi stato

come gli scogli di San Giovanni Li Cuti.

Poco più che bambino, abitando alla Stazione

in quegli scogli neri trascorrevo le mie giornate.

Loro erano e sono ancora là.

Quante cose hanno visto e sentito 
senza mai parlare.

In estate, coperti di tavole di legno 
trafitte con i chiodi, 
come le ferite nel fianco di Gesù,

loro sentivano l'odore 
delle melanzane fritte nelle cabine,
s'innervosivano per tutti i litigi,

ascoltavano il pianto dei bambini, 
il canto degli uccelli,

le prime carezze, le prime scappatelle.

Li hanno calpestati, 
acqua, vento, sole, mare 
e sale hanno preso.

Quante cose hanno visto e sentito 
senza mai parlare.

Loro sono come me, neri, vecchi,
incartapecoriti, tutti corrosi.

Quante cose hanno visto e sentito 
senza mai parlare.

Eppure loro non sono come me: 
io ho parlato.