GTranslate

Chi è online

Abbiamo 66 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

ITIVINNI, PICCIOTTI 
Giuseppe Bagnasco

ITIVINNI, PICCIOTTI

Itivinni picciotti, itivinni
lassatila sta terra nfami

ca nun sapi nutricari li so figgi
e s’accuntenta di vidilli moriri
nta terri 'strani.

Itivinni picciotti, itivinni

di sta terra fiddiulata di sangu
sta terra c’addummisci a vita
a corpa di scupetta.

Itivinni picciotti, itivinni
luntanu di stu suli ca mai
quariò a pignata di puvureddi.
Scurdativilla sta Sicilia ca teni

‘ncuntu sulu u passatu e resta a chianciri
darreri i porti da spiranza.

Itivinni picciotti e lassatila a mia
sta terra d’amuri ca m’addivò

e mi crisciu comu un rappareddu
sutta i so ali.

Cu idda mi maritai e filici stettimu
comu du carusi fujuti e senza velu.

Lassatimilla a mia.

ccà vogghiu esseri vurricatu

e nta vara mittitinci ddu vintareddu
ca m’accarizzava l’arma

e ddu ciavuru di zagara ca mi sturdìa
di puisia d’amuri e ddu mari

ca s’agghiuttia u suli mannannu sprazzi
di faviddi chi s' intrufuliavanu

dintra u me cori.

 

                                                                                                               

ANDATEVENE, RAGAZZI 

Andatevene ragazzi, andatevene 
lasciatela questa terra infame 
che non sa nutrire i suoi figli

e si contenta di vederli morire 
in terre straniere.

Andatevene ragazzi, andatevene

da questa terra tagliuzzata di sangue 
questa terra che addormenta la vita 
a colpi di fucile.

Andatevene ragazzi, andatevene

lontani da questo sole che mai

riscaldò la pentola dei poveracci.
Dimenticatevela questa Sicilia che tiene

in conto solo il passato e rimane a piangere 
dietro le porte della speranza.

Andatevene ragazzi e lasciatela a me 
questa terra d’amore che mi allevò

e mi crebbe come un uccellino

sotto le sue ali.

Con lei mi sono sposato e felici fummo 
come due ragazzi sposatesi senza velo.

Lasciatela a me.

Qui voglio essere sepolto

e nella bara metteteci quel venticello 
che mi accarezzava l’anima

e quell’odore di zagara che mi stordiva

di poesia d’amore e quel mare

che inghiottiva il sole mandando sprazzi

di faville che si introducevano

di soppiatto dentro il mio cuore.