GTranslate

Chi è online

Abbiamo 36 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

PRIMA CA MORU
Maria Pia Arena

PRIMA CA MORU

Quannu era caruseddra

passannumi vicinu mi m’pruntasti

e pianu senza ca nuddru u sintiva

ti vogliu beni mi dicisti

Unneppu u tempu d’arrispunniri a tia

ca ti vuliva beni purì ia.

Criscemmu e dopu un pocu d’anni

na famiglia addivintammu.

Picca erinu i sordi e picca u tempu pi nattri.

Tu eri sempri fora

e ia di iornu era sempri n’chiffarata

e a passiari addrevu mi passava a nuttata.

Poi scarsià u travagliu

e pi megliu affannariti un pezzu di pani

a fari l’emigranti ti nnavisti a giri.

E quannu di partiri vinna l’ura

ia t’accumpagnavu a stazioni

e t’arraccumannavu di dariti accura.

Tu m’abbrazzavi, di m’brazza mittivi i picciriddri in terra
e pi mia eri comu se t’innivi in guerra.
Mi faciva forza
ma “ti vogliu beni” un tu diciva

e un tu cuntu e mancu tu dicu

com’era cinu u ma cori d’allammicu.

E quantu era longu un annu di partenza
e ca passassa prestu era a speranza.
Ia priava a Diu Santu e Binidittu
ca vicinu a tia vuliva u me arizzettu.

Turnavi finalmente a stasciunata

e tra aisari un muru, u mari e na m’panata

finiva a manu a manu na iurnata

Cosi di fari n’avivanu tanti

e u tempu pi diriti ti vogliu beni

sempri picca e nenti.

E ia pi un suffriri cumu Addulurata

faciva quasi sempri allianata.

Ora ranni

addivintaru i picciriddri

e nattri ni ficimu vicciareddri

Ia sugnu tutta bianca

e tu senza capiddri
ma pu me cori tu si sempri beddru
e che ti vogliu beni

ti laia a diri
ti laia a diri

prima ca moru

ti laia a diri.

PRIMA CHE MUOIO
Quando ero ragazzina
passandomi vicino mi hai sfiorato
e piano senza farti sentire da nessuno
mi hai detto: ti voglio bene.

Ma non ho avuto il tempo di risponderti
che ti volevo bene anch’io
Siamo cresciuti e dopo qualche anno
siamo diventati una famiglia.
Avevamo pochi soldi e poco tempo per noi.
Tu eri sempre fuori
ed io di giorno ero sempre affaccendata
e mi passava la notte a cullare i bambini.
Poi è venuto meno il lavoro
e per guadagnare un tozzo di pane
sei stato costretto a fare l’emigrante.
Quando veniva l’ora di partire
io ti accompagnavo alla stazione
tu mi abbracciavi
mettevi a terra i bambini che tenevi in braccio
e per me era come se partissi per la guerra.
Mi facevo forza
e neanche te lo dicevo che ti volevo bene
e non sto a dirti
come era pieno di malinconia il mio cuore.
E quando era lungo un anno di lontananza
io pregavo Dio

che passasse presto
per trovare vicino a te la mia pace.

Finalmente veniva l’estate e tu tornavi
e tra un lavoro di muratura, una gita a mare 
ed una cena, un giorno passava in un lampo.
Avevamo tante cose da fare
e mi mancava il tempo 
per dirti che ti volevo bene.
E per soffrire meno 
facevo finta di essere distratta.

Ora i nostri figli
sono grandi
noi siamo diventati anziani

I miei capelli sono tutti bianchi,

tu invece di capelli non ne hai più,

ma tu per me, sei sempre bello.
E “ti voglio bene”

te lo debbo dire, 
te lo debbo dire,

prima di morire

te lo debbo dire.