GTranslate

Chi è online

Abbiamo 29 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

‘NNA SIRA…
Salvatore Amico

‘NNA SIRA…

Dda matina, quannu sò patri

e sò matri nun ci furu ‘cchiù,

Micheli capì di essiri divintatu ranni.

Ogni jurnu ca passava

si dannava l’arma e nun sapiva

chi fari pi crisciri li so fratuzzi.

Tuppiava a tutti li porti, ma

ristavanu, sempri, chiusi.

‘Nna sira d’estati, affacciatu

a lu barcuni di la sò casa,

si misi a taliàri li stiddi,

mai un cilu c’aviva parsu

accussì bellu, era lu cilu

di la sò Sicilia. ‘Nna lacrima

accumincià a scinniricci,

quasi a vuliri vagnari la terra,

nni la spranza di vìdiri

spuntari un ciùri, ca ci

putissi dari arma e coraggiu.

Nun c’era cchiù nenti da fari,

cu lu cori strittu strittu

nni lu pittu si misi a

priparari la valigia, dintra

 

quattru cosi, ma tanta voglia

di canciàri lu munnu.

Abbrazzà Maria, Abbrazzà Peppi e

dissi a Giuvanni:

“Ormai, tu si’ lu capufamiglia!”.

Partì pi un paìsi luntanu, unni,

difficilmenti, li nivuli

lassanu spaziu a li stiddi.

‘Nna sira, mentri turnava di

travagliari, pi la strata trona e lampi,

lampi e trona, acqua a ritmi stisi.

La machina sbanda,

si ritrova fori, ‘nterra, cu l’acqua

ca l’assuppa senza ritegnu.

Pi ‘n’attimu ci pari di vìdiri

lu cilu di la sò terra.

Talìa li stiddi e ‘ncapu a una di chisti

c’è Maria, Peppi e Giuvanni,

avi, appena, lu timpu

di diri: “Cristu aiutami!” e

li stiddi spariscinu, pi sempri.

 

UNA SERA…

Quella mattina, quando suo padre

e sua madre non ci furono più, Michele

capì di essere diventato grande.

Ogni giorno che passava

si dannava l’anima e non sapeva

cosa fare per crescere i suoi fratellini.

Bussava a tutte le porte, ma

restavano, sempre, chiuse.

Una sera d’estate, affacciato

al balcone di casa sua,

si mise a guardare le stelle,

mai un cielo gli era sembrato

così bello, era il cielo

della sua Sicilia. Una lacrima

cominciò a scendere,

quasi a voler bagnare la terra,

nella speranza di vedere s

puntare un fiore, che gli

potesse infondere animo e coraggio.

Non c’era più niente da fare,

con il cuore ristretto nel petto

si mise a

preparare la valigia,

dentro quattro cose, ma tanta voglia

di cambiare il mondo.

Abbracciò Maria, abbracciò Giuseppe e

disse a Giovanni:

“Ormai, tu sei il capofamiglia!”

Partì per un paese lontano, dove,

difficilmente, le nuvole

lasciano spazio alle stelle.

Una sera, mentre tornava dal lavoro,

 per strada tuoni e lampi,

lampi e tuoni, acqua a dirotto.

La macchina sbanda,

si ritrova fuori, a terra, con l’acqua

che lo inzuppa senza ritegno alcuno.

Per un attimo gli sembra di vedere

il cielo della sua terra.

Guarda le stelle e sopra una di esse

c’è Maria, Giuseppe e Giovanni,

ha, appena, il tempo di esclamare

“Cristo aiutami! e

le stelle spariscono, per sempre.