GTranslate

Chi è online

Abbiamo 25 visitatori e nessun utente online

 

ANNO SOCIALE 2011- 2012
Presidente Dr.ssa Roberta Berti Grillo

L’AMURI AVI TANTI FACCI
Liliana Arrigo

L’AMURI AVI TANTI FACCI

Magaria fu

na taliata mistiriusa e ntricanti"…

occhi niuri di cagghiostru, nvillutati,

ca m’avvamparu, ‘ntrasatta, d’amuri.

Ducizza di dàttula

l’appalurarisi ammucciuni,

ali m’mpristasti pi vulari luntanu.

U tempu di l’avventu,..

attranta e allenta,

comu scursuni distirratu

tutt’nsemmula sparisti

s’astutà, ogni me cantu.

Ti circavu a longu ti circavu,

unni é gghé,

‘nsinu a dannarimi e m’aggirbavu

comu campu d’ardicula spinusa.

Cchiù nun ci si,

cu n’antra facisti lu nidu...

petra dill’aria, litania di chiantu.

Scartata senza rimissioni,

misa all’agnuni senza ncirata,

ntacca di lama funnuta dintra l’arma.

M’ammancanu, ancora oj m’ammancanu

li siritini nzémmula,

a parlari di nenti e arridiri di cori,

m’ammanca lu pernu di ‘sta vita
oramà stramuntata,

grevia ristuccia mpurrita.

E ti vogghiu e patisciu pi ttia,

e m’abbasta ca si risulenti,

addisiu sulu lu to beni,

picchi senza vanniari soffru

e t’amu cu tutti li senzii

e tanti facci avi l'amuri.

                                                                                                               

I TANTI VOLTI DELL’AMORE

Fu stregomeria".

fu lo sguardo misterioso e intrigante,

occhi neri di Cagliostro, vellutati,

che d’amore, all'improvviso, mi fece avvampare.

Dolcezza di dattero

il parlarsi lontano da tutti d’innamorati,

mi prestasti ali per volare lontano

Il tempo dell’avvento...

tira e rallenta,

come un serpente cacciato dalla terra,

tutto ad un tratto ti sei nascosto,

sei scomparso e si é spento in me ogni canto.

Ti ho cercato, a lungo ti ho cercato,

dappertutto, fino a dannarmi

fino a inselvatichirmi

come campo di ortica piena di spine.

Non ci sei più,

con un'altra hai creato il nido...

fulmine dal cielo sereno, litania di pianto.

Messa da parte senza remissione,

messa in un angolo, tela senza incerata,

taglio di lama profonda dentro l’anima.

Mi mancano 
le sere insieme

a parlare di niente e ridere di cuore.

Mi manca il perno della vita,

ora tramontata,

scipita come paglia marcita.

E ti voglio e soffro per te

e mi basta sapere che sei contento,

e voglio solo il tuo bene,

perché senza urlare soffro

e ti amo con tutti i sentimenti

e tanti volti ha l’amore.