GTranslate

Chi è online

Abbiamo 187 visitatori e nessun utente online

 

LIONS CLUB LICATA

ANNO SOCIALE 2010- 2011
Presidente Dr. Antonio Massimo Grillo

MEMORIAL ROSA BALISTRERI 10° EDIZIONE
sezione Canzoni

SICILIA MIA
Paola Canino

 

 

SICILIA MIA

Quannu viu lu suli già spuntari,

n’ta chista terra mia tantu amata,

lu cori mi sentu ralligrari,

pìcchi di idda sugnu nnammurata.

Si partu pi terri assai luntani,

magari, pi na gita di piaciri,

li jorna li passu assai strani,

picchi vicinu a mia la vulissi aviri.

Terra di sogni e di biddizzi lucenti,

ma abbannunata di li guvirnanti,

la fami, regna ancora tra la genti,

picchi nun ci su interessi allittanti.

Si ci fussi, inveci, pani pi li propri denti,

divintassi cosa assai impurtanti.

Ma di canciari lu puliticu nun si senti,

picchi n’da sta vesti, si senti ammalianti,

e pensa sulu a li so jorna ridenti,

chi sta gudennu grazie a li so santi.

Ma l’omu onestu, chi soffri la fami,

nun digirisci la so indifferenza,

prova di tuttu, pi circari lu pani,

e finisci sempri pi ristarni senza.

Parti u picciottu, pi terri luntani

dunni la verra genera morti,

e pi guadagnarisi un pezzu di pani,

nun sapi cosa riserva a so sorti.

A cosa servi mannari sti figghi

dunni a mala genti li voli ammazzari,

facci manciari lu pani a so casa,

dunni tranquillu su pò assapurari.


                                                                                        

SICILIA MIA

Quando vedo il sole spuntare,

su questa terra mia tanto amata,

il cuore mi sento rallegrare,

perché di essa sono innamorata.

Se parto per terre assai lontane,

magari, per una gita di piacere,

i giorni li trascorro assai strani,

perché vicino a me la vorrei avere.

Terra di sogni e di bellezze lucenti,

ma abbandonata dai governanti,

la fame regna ancora tra le genti,

perché non ci sono interessi allettanti.

Se ci fosse invece pane per i propri denti,

diventerebbe una cosa assai importante.

Ma di cambiare il politico non si sente,

perché in quella veste si sente ammaliante,

e pensa solo ai suoi giorni ridenti,che sta godendo

grazie ai suoi santi.

Ma l’uomo onesto, che soffre la fame,

non digerisce la sua indifferenza,

prova di tutto, per cercare il pane,

e finisce sempre per restarne senza.

Parte il giovanotto, per terre lontane

dove la guerra genera morte,

e per guadagnarsi un pezzo di pane,

non sa cosa gli riserva la sorte.

A cosa serve mandare questi figli

dove la mala gente li vuole uccidere,

fagli mangiare il pane alla sua casa,

dove tranquillo lo può assaporare.