GTranslate

Chi è online

Abbiamo 25 visitatori e nessun utente online

 

LIONS CLUB LICATA

ANNO SOCIALE 2010- 2011
Presidente Dr. Antonio Massimo Grillo

MEMORIAL ROSA BALISTRERI 10° EDIZIONE
sezione Canzoni

U POVIRU CRISTU
DI MARTINO ALFONSO- GIUGNO

 

 

U POVIRU CRISTU

Signiruzzu ri lu Venniri Santu,
chi sulu ri Maria avisti chiantu,

ti sugnu appressu e fazzu stu lamentu,

ncumuni niatri avimmu lu turmentu.

Li to carni su tutti sfracillati,
li capiddi ccu spini trapunciuti,
poi trascini la cruci tra caduti:

ccu tri chiova t’appisiru i surdati.

A mia mi lassasti lu to postu;

m'hanu riduttu gia un poviru Cristu.

Cunsigghiu ri iurei, senza cuntrastu,
mi cunnanna a la cruci ar’ogni costu.

C’è cu chianta li chiova nti li manu,
cu la carni mi strazza senza frenu;
li ma peri nchiuvati strata un fanu:

nun cè pezzu nti mia chi sia sanu.

‘Nti na gnuni ri casa sta mmucciata
ma mugghieri, chi pari a Ddulurata
ccu stu poviru Cristu è cunnannata
a purtari la cruci ri la vita.

Ri lu Venniri Santu, miu Signuri,
quantu ni ssimigghiammu nt‘i dulurj:

lu ma lamentu e li to vuci amari,
su na canzuni ri stissu tinuri.

                                                                                                                                                                              

 

IL POVERO CRISTO


Signore del Venerdì Santo 
che solo Maria ha pianto per te,

ti penso mentre faccio questo lamento, perchè noi due in comune abbiamo un tormento. 
Le tue carni sono tutte sfracellate, 
nella testa hai una corona di spine 
vai cadendo trascinando la croce

ed i soldati ti hanno appeso con tre chiodi.

Ed a me, hai lasciato il tuo posto;

mi hanno ridotto un povero Cristo

chi decide senza essere contrastato, 
mi ha condannato ad essere crocifisso.

C'è chi pianta i chiodi nelle mani
e ti strappa tutta la carne

io non mi posso muovere,

ho i piedi inchiodati e mi sento a pezzi. 
Mia moglie è casa nascosta 
e sembra l'Addolorata

ed è condannata come me "povero Cristo" 
a portare la croce della vita.

Caro mio Signore del Venerdì Santo, 
ci somigliamo molto nei dolori,

il mio lamento e le tue voci strazianti 
sono una canzone con lo stesso tema.