GTranslate

Chi è online

Abbiamo 124 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2018-2019  
Presidente: Angelo Pintacrona

 

18° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE POESIE

A CAMINATA
SALVATORE NOGARA
legge: Giuseppe La Greca

 

 

 

Stamm'ò sciancu figliu mia, stamm'ò sciancu,

c'à strata è longa assai, e u passu è stancu.

Di sta vita tanti cosi t'ai'à diri,

ora che sti jorna mia vannu a finiri.

L'à sintutu ù sciauru du gelsuminu,

da canneddra, da menta, du rosmarinu?

L'à vistu i gigli comi sunu vistuti,

che di nivi bianca parunu tissuti?

E chi diri da biddrizza di na rosa,

che 'ncanta, e di festa culura ogni cosa?

E i marghiriti, chi toccu di pitturi!

che du nostru suli pigliàru ù culuri?

Ci à caminatu all'ummira d'un pinu,

Che paci duna e friscu, sira e matinu?

L'à vistu mai ù travagliu da furmica,

Che tanta robba porta e mai s'affatica?

Du lapuni che si posa nmezz'ì sciura,

e ci porta sta dilizia dà natura?

À sintutu mai u cantu du cardiddru,

c'ogni cori fa turnari picciliddru?

À vistu i rondini n'celu vulari,

che vuciannu s'addivertunu a jucari?

Tutti sti cosi c'ora vidu o prisenti,

passari vittu senza mettirci menti.

Ora c'a partiri e l'aiu a lassari,

ora capisciu, e sti larmi su amari.

Ca ppi ll'omu, tutta cca sta a ricchizza,
na vita che Diu detta, e a so biddrizza.


Stammi a fianco figlio mio, stammi a fianco,

che la strada è molto lunga, e il passo è stanco.

Di questa vita tante cose devo dirti,

ora che questi giorni miei vanno a finire.

L'hai sentito l'odore del gelsomino,

della cannella, della menta, del rosmarino?

Li hai visti i gigli come sono vestiti,

che di bianca neve sembrano tessuti?

E che dire della bellezza di una rosa,

che incanta, e di festa colora ogni cosa?

E le margherite, che tocco di pittore!

che del nostro sole hanno preso il colore?

Ci hai camminato all'ombra di un pino,

che pace da e fresco, sera e mattino?

L'hai visto mai il lavoro della formica,

che tanta roba porta e mai si affatica?

Dell'ape che si posa in mezzo ai fiori,

e ci porta questa delizia della natura?

Hai mai sentito il canto del cardellino,

che ogni cuore fa ritornare bambino?

Hai visto le rondini in cielo volare,

che vociando si divertono a giocare?

Tutte queste cose che ora vedo al presente,

ho visto passare senza porvi mente.

Ora che devo partire e le devo lasciare,

ora capisco, e queste lacrime sono amare.

Che per l'uomo, tutta qui sta la ricchezza,

nella vita che Dio ha dato, e alla sua bellezza.