GTranslate

Chi è online

Abbiamo 781 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2017-2018  
Presidente: Agostino Balsamo

17 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE POESIE

 

MONDO TRISTE
GIROLAMO CARUBIA

MONDO TRISTE

Munnu tristi cu guerra zitatu,
fimmina tinta ca spacca lu cori,
ca porta duluri e ti lassa malatu,
erba sirvaggia ca s’attacca e nun mori.

Stu munnu in silenziu vulissi la paci,
fimmina d’oru cu occhi sinceri
ca di odiu pruvari ‘un è capaci,
amuri pi tutti senza pinzeri.

La paci però è seria cristiana
a a chiddu ca cercanu la so biddizza
duna spiranza e si teni luntana
a cu si lu merita idda s’abbrazza.
Chista è puisia, ma la guerra ‘un è puisia…
E la genti ca unn’havi paci
e ca senti ogni jornu li bummi
ca cadimu supra i palazzi

fatti di rina e senza petri.
Un vecchiu sirianu cerca n’addreva
cu occhi di celu e capiddi comu la pici
dumanna a chistu e a chiddru si i vittiru.
Un talibbanu senza sangu ci rispusi:
anturazza passò, ‘ncapu li spaddi
di povita genti era purtata.
China di sangu era macchiata
e ni lu visu era tutta ‘nchiaiata.
Ddu poviru omu si misi a gridari,
st’addreva cu l’occhi di celu
e la billizza di lu marinun la potti truvari
L’omu pi natura è pazzu e si jetta
sempri ni li funnu di lu puzzu, picchì nun un capisci
ca la guerra a nuddu servi e l’anima so d’addanna
picchì paci vulissi in tutta la terra.
Ma l’omini nenti hannu ‘mparatu
e la storia ci insigna, ma accicati di ricchizza
e puteri s’ammazzanu una cu l’aurtu. Insumma….
Cu voli la guerra ‘un’ama chiù l’omini
sunni diavuli ca scannanu e trazzanu
sunnu bastardi ca fannu i so comodi
e pi la sacchetta rumpunu e ammazzanu.
La guerra è tinta e a nuddu cunveni
tutti a perdinu e nuddu la vinci
sangu, duluri, lacrimi e peni
mentri lu munnu di russu si tingi.
Ora vi lassu cu sti paroli
si ‘un cangiamu stu modu di fari
nenti ci resta, ne anima e cori,
nè cielu sirenu, nè terra e nè mari.                                                                                                                                                                                                               

                                 

MONDO TRISTE

 

Mondo triste, fidanzato con la guerra
donna cattiva che spacca il cuore
che porta dolore e ti fa ammalare,
erba selvaggia che si attacca e non muore.

Questo mondo in silenzio vorrebbe la pace
donna d’oro con occhi sinceri,
che non è capace di provare odio
e da amore a tutti senza pensarci.

La pace è una persona seria 
e a quelli che la cercano la sua bellezza
da speranza e si tiene lontana.
ma a chi se la merita, lei si abbraccia.
Questa  è poesia, ma la guerra non è poesia…
E’ la gente che non ha pace
e che ogni giorno sente le bombe 
che cadono su palazzi

fatti di sabbia senza pietre.
Un vecchio siriano cerca una bambina 
con gli occhi chiari e i capelli neri  
e a chi incontra chiede se l’hanno vista passare
Un pallido talebano gli risponde: 
è passata poco fa portata in spalla 
da della povera gente
Era insanguinata 
e con il viso pieno di piaghe
L’uomo si mise a urlare

perché la bambina con gli occhi chiari

e bella come il mare
non l’avrebbe più rivista.
La razza umana per sua natura è pazza 
e cerca sempre di distruggersi, 
sa che la guerra non serve a nessuno

e a parole vorrebbe la pace. 
In tanti anni di evoluzione l’uomo non ha imparato nulla 

e la storia ci insegna che la bramosia del denaro porta ad uccidere solo i propri simili. Insomma…
Chi vuole la guerra non ama più gli uomini
sono solo diavoli che fanno carneficine
sono dei bastardi che per i propri interessi
e per il denaro distruggono ed uccidono.
La guerra è cattiva e non conviene a nessuno
tutti la perdono e nessuno la vince.
resta solo sangue, dolore, lacrime e pene
ed intanto il mondo si colora di rosso sangue. 
Ora vi lascio con queste parole

se non cambiano il nostro modo di fare

non ci resterà più nulla,
niente anima e niente cuore
niente più cielo, ne terra, ne mare.