GTranslate

Chi è online

Abbiamo 20 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2017-2018  
Presidente: Agostino Balsamo

17 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE POESIE

 

A ME MATRI
VINCENZO ZAFARANA

A ME MATRI

Cchi bedda fimmina,

era me matri.

Cuanti rijordi mi lassàu

‘nta stu cori;

Matri ggiusta e china ranuri.

Ri cuannu nasciju a cuannu

minniu.

Fu lu cunfortu ri lu cori miu.

Nu-n ccera jornu ca nu-n mi circava,

senza ri mia idda nu-n campava.

Macari me patri, mi vuliva bbeni,

ma idda ppi mmia pativa li peni.

Cuanti rijordi lassàu nta stu cori,

matri ranna lavoratrici.

Ccu ddu figghi ndo pettu

jutava a me patri,

e mai a so vucca lamentu ni fici;

u so surrisu purtava la paci,

e ppi ogni figghiu si sintiva filici.

A so vicchiaia cci pizzàu lu cori.

Vuliva campari vicinu a me patri,

l'urtimi jorna sazzia e filici.

Ma lu so cori persi la paci

Cuannu me patri l'occhi chiusi.

 

 

A MIA MADRE

Che bella donna,
era mia madre.

Quanti ricordi mi la lasciato
in questo cuore;
Madre giusta e piena d’onore.
Da quando son nato a quando
ho lasciato la casa paterna.
Fu il conforto del mio cuore.
Non c’era giorno che non mi cercava
senza di me ella non viveva.
Anche mio padre mi voleva bene,
ma ella per me pativa le pene.
Quanti ricordi ha lasciato,

madre grande lavoratrice.

Con due figli al petto
aiutava mio padre,
e mai dalla sua bocca è uscito un lamento;
il suo sorriso portava la pace,
e per ogni figlio si sentiva felice.
La sua vecchiaia l’ha fatta ammalare di cuore.
Voleva vivere vicino a mio padre
gli ultimi giorni della vita sazia e felice.

Ma il suo cuore perse la pace
quando chiuse gli occhi a mio padre.