GTranslate

Chi è online

Abbiamo 88 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2017-2018  
Presidente: Agostino Balsamo

17 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
SEZIONE POESIE

 

ARBA SICULA
BERNARDO CAROLLO

ARBA SICULA

Taliannu di luntanu l’agghiurnari

tra negghi russi, focu e dd’agghiummaru

di luci e di luciddi ‘ncapu mari,

trema lu suli e crisci paru paru;

e tinci l’unni e l’occhi di culuri

‘mmiscatu a l’acqua e a la negghia ‘nfuta,

ddà specchia duci l’ummiri e l’amuri

e sposta dda ran mattula e saluta.

Ccà spunta da li munti chiù maistusi,

russìa ‘mmarazzu e un ghjornu delicatu,

porta lu lustru ‘n tutti li pirtusi

senza lu scantu d’essiri astutatu.

E sbatti l’unna ‘n ripa di cuntinu

mentri na varca rapi la so vila,

scurri lu ciumi, rota lu mulinu,

fà lustru e ddà parpagghia na cannila…

Lu ciatu ‘nna lu friddu di matina

sciala e arrifrisca l’arma e lu pinzeri,

poi scula da na fogghia l’acquazzina

chi n’abbivira l’arma ed arriseri.

L’arba chiù duci è Sicula, lu giuru!

È comu na gran fimmina chi riri,

un meli duci, un fruttu assai maturu,

n’api chi lìa li ciuri chiù ‘ntiniri….

chi ‘mmisca nna sta vucca lu sapuri

di celu e terra, cu li so suspiri,

chi cu li munti e l’unni fa l’amuri

e nni proi l’occhi soi tutti li siri.

 

ALBA SICULA

Guardando da lontano l'aurora

tra nebbia rossa, fuoco e quel gomitolo

di luci e di lucine sopra il mare,

trema il sole e cresce a mano a mano;

e dipinge le onde e gli occhi di colore

immischiato all'acqua e a la nebbia fitta,

là specchia dolce le ombre e l'amore

e sposta quella gran bambagia e saluta.

Qua spunta dai monti più maestosi

arrossisce imbarazzo e un giorno delicato,

porta la luce in tutti i nascondigli

senza la paura di essere spento.

E sbatte l'onda sulla riva di continuo

mentre una barca apre la sua vela,

scorre il fiume, ruota il mulino,

fa luce e trema la fiamma di una candela....

Il fiato nel fresco del mattino

sciala e rinfresca l'anima e il pensiero,

poi gocciola da una foglia la rugiada

che ci innaffia l'anima e ristagna.

L'alba più dolce è Sicula, lo giuro!

E' come una gran femmina che ride,

un miele dolce, un frutto assai maturo,

un ape che impollina i fiori più teneri....

che immischia in questa bocca il sapore

di cielo e terra, con i suoi sospiri,

che con i monti e le onde fa l'amore

e ci porge gli occhi suoi tutte le sere.