GTranslate

Chi è online

Abbiamo 46 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2017-2018  
Presidente: Agostino Balsamo

17 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
sezione POESIA

 

JOCU DI MASCHIRI
GIUSEPPE LA ROCCA

 

 


JOCU DI MASCARI

Eramu nichi, a strata pù jocu era casa.

Pi jucari nni bastava picca cosa,

un pocu 'i crita, un ferru di cavaddu,

du fila 'i spacu e qualchi pinna di jaddu.

Faciamu notti e nun eramu mai satri,

fìniamu sulu pi vuciati dì matri

e 'i minazzi di qualchi timpuluni

o peggiu ancora di ristari dijuni.

Bastava na mascariata e un pocu 'i fantasia,

pi trasfurmarinni, comu pi magia,

in re, rigini, duttura, malati,

guerreri, pirati o simplici surdati.

Allura ni mascaravamu pi darinni curaggiu

e pi putiri trasiri 'nto novu personaggiu.

Ora la maschera nna mittemu tutti i jorna

senza pinsaricci supra, senza nudda vriogna.

Facemu sempri facci 'i circustanza,

rispittannu 'a bona crianza.

Stringemu manu ca vulissimu sputari.

Vasamu facci ca nni fannu schifiari.

Nni mettemu na mascara di duluri

quannu videmu 'nto televisuri

puvirazzi comu bestii ammassati,

o 'nto mari a migghiara anniati.

Canciamu canali, nun vulemu chiù turmenti

e allura cercamu cosi divirtenti,

jiccamu 'a mascara da dulenza,

e passannu a chidda di l'indiffirenza.

                                                    

GIOCO DI MASCHERE

Eravamo piccoli, la strada per il gioco era casa.
Per giocare ci bastavano poche cose
un po' di creta, un ferro di cavallo,
due fili di spago e qualche penna di gallo.
Facevamo notte e non eravamo mai soddisfatti
finivamo solo per i richiami delle madri
o per la minaccia di qualche schiaffo
o peggio ancora per restare digiuni.
Bastava una mascherata e un po' di fantasia,
per diventare come per magia,
re, regine, dottori, ammalati,
guerrieri, pirati o semplici soldati.
Allora ci mascheravamo per darci coraggio
e per potere entrare in un nuovo personaggio,
ora la maschera la mettiamo tutti i giorni
senza pensarci su e senza nessuna vergogna.
Facciamo sempre faccia di circostanza
e rispettiamo la buona creanza
stringiamo mani che vorremmo sputare
baciamo facce che ci fanno schifare
Ci mettiamo una maschera di dolore
quando vediamo nel televisore
poveracci come bestie ammassati
o in mare a migliaia annegati
Cambiamo canale, non vogliamo più tormenti
vogliamo solo cose divertenti,
buttiamo la maschera della tristezza
e indossiamo quella dell'indifferenza.