GTranslate

Chi è online

Abbiamo 401 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2017-2018  
Presidente: Agostino Balsamo

17 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
sezione POESIA

 

A MATRI TERRA
Salvatore Gaglio
1° Classificata p.m. alla memoria
legge il figlio: Costantino Gaglio

 

 


A MATRI TERRA

Finisci di cantari la me vucca
pirchì nun hàiu cchiù
la luci 'n-cori.
Persi lu jornu e tutti li tesori
chi 'u tempu a la passata
piglia e abbucca.

Sentu a lu scuru
'u cantu di la cucca
chi chiama e chiama
senza cchiù palori.

Vasu l’ùrtima guccia di licori,
e già lu corpu
è 'n-terra chi s’aggiucca.

Terra ca mi sì Matri, amata Terra,
ni tia - cu tia -
m’abbrazzu e m’abbannunu,
stancu di tantu munnu
e tanta guerra.

Siddru sbagliavu,
dùnami pirdunu.
Vogliu ca la to Vita
la me afferra,
e ca turnamu pi l’eternu l’Unu.

E si ora Diu
si piglia i sentimenti
cu l’anima, lu spìritu e lu cori,
si tingi d’avveniri lu presenti
ed è dunci
'u mumentu
chi si mori.

A MADRE TERRA

Finisce di cantare la mia bocca
perché non ho più
la luce in cuore
Persi il giorno e tutti i tesori
che il tempo al suo passare
prende e versa.

Sento nel buio
il canto della civetta
che chiama e chiama
senza più parole.

Bacio l’ultima goccia di liquore,
e già il corpo
a terra si distende.

Terra che mi sei Madre, amata Terra,
in te - con te -
mi abbraccio e mi abbandono,
stanco di tanto mondo
e tanta guerra.

Se ho sbagliato,
dammi il tuo perdono.
Voglio che la tua Vita
la mia afferri,
e che torniamo per l’eterno l’Uno.

E se ora Dio
si prende i sentimenti
con l’anima, lo spirito ed il cuore,
si dipinge di avvenire il presente
ed è dolce
il momento
in cui si muore.

 



Nota
Il poeta, ammalato di un male incurabile, è deceduto un mese dopo aver inviato questa poesia.
La poesia fa presagire il suo ritornare al Padre.