GTranslate

Chi è online

Abbiamo 20 visitatori e nessun utente online

 


LIONS CLUB LICATA

Anno sociale 2017-2018  
Presidente: Agostino Balsamo

17 ° MEMORIAL ROSA BALISTRERI
sezione POESIA

 

LU TRENU DI LI ZITI
Francesca Vitello
1° Classificata p.m.
legge: Nicolò La Perna

 

 


LU TRENU DI LI "ZZITI"

Cu tistimoni, parenti e amici d
dissiru "SI" ni la Chiesa 'da Matrici
e, 'ddoppu rasoliu, cumbetta e taralli,
pi li prisenti, iddi, apreru li balli.

C'era gran festa di cori e armunìa
e, quarchi sordu ca, 'nzacchetta, lucìa.
Era sordu scuttatu 'nterra luntana
e la 'zzita era 'ntisa "'A miricana"!

Anchi si, ancora, tannu 'un s'usava,
u" viaggiu di nozzi", già, l'aspittava!
Eccu, pronti, su' ora li 'bbilici,
eccu li 'zziti ca arridinu filici!

'Ddù 'ngaggiu ca sapìa di cosi rari,
maraviglia e spantu avìa a 'llassari!
E lu salutu, chinu d'emuzioni,
s'avìa a conchiudiri a la "Stazzioni"!

'Na machina d'epuca grapiva la strata
di ciuri d'aranciu, tutta parata,
li 'zziti 'ddà 'ncapu, beddi assettati
e darre 'na pintaiota cu tutti li 'mmitati,

ca pi 'ddà surprisa, ca 'un ci parìa veru,
ivanu arridennu cu scialu sinceru
e, scialannu, scialannu, pi 1' eventu singulari
arrivaru, fistusi, a la 'Stazzioni Caldari'.

I carusi, ca ruttu appiru lu frenu,
facivanu "u curri, curri " versu lu trenu
e, nichi e ranni eranu, tutti, 'mpignati
pi lu salutu a li 'zziti fistiggiati!

Già " a campanedda" sunava cu primura
e, sunannu, facìva prescia a li viaggiatura.
Li 'zziti o finistrinu, già, affacciati,
salutavanu, ora, parenti e 'mmitati.

'Ncatinazzati, po', li porti, pi la partenza,
arriva, subbitu, u mumentu di la spartenza
e, 'ddù trenu ca, partennu, già, friscava,
a li battiti di li mani, s'ammiscava.

Ma 'ddù patri e'ddà matri salutannu,
sentinu, già, ca la vita sta cangiannu:

su' cuntenti pi 'ddà festa arrinisciuta
ma, ni lu cori, c'è 'na lacrima agliuttuta;
iddi sannu, ca 'ddà casa ca l'aspetta,
è, ancora, ciaurusa di cumbetta...

Veru è ca lassaru tutti spanti
ma, ora, hannu 'a casa, già, vacanti:
chiddu ciuri ca fina ad ora la 'mprufumava,
sutta l'occhi, chiddu trenu si lu purtava...

Chiddu ciuri era 'ncantu di natura,
chiara di carni, biunna comu lustrura!
Li so occhi lucivanu comu stiddi
e cu 'ddù vampi di culuri ni li masciddi!

Ma la vita, cu 'a so' liggi di natura,
porti novi grapi, sempri, a la vintura:
dissi "SI", davanti a lu Signuri,
a un picciottu beddu e travagliaturi,

ca mentri, ora, nill'occhi la taliava,
la so' giuvintù sanzera 'cci arrialava!
'Ccì prumittiva "amuri e unistà"
e 'na vita di divota fidilità!

'Ddù picciottu, ca era me patri,
amurusu, l'accarizzava
e,'ddà picciotta, ca era me matri,
affruntusa, arrussicava!


Era lu 29 Aprili di l'Annu Domini '33
e 'ddù trenu, mentri friscava,
li 'zziti a Roma si purtava...

IL TRENO DEGLI "SPOSI"

Con testimoni, parenti ed amici,

hanno detto "SI" nella chiesa della Matrice

e, dopo rosolio, confetti e taralli,

per i presenti, hanno aperto i balli.

C'era gran festa di cuori e armonia
e, qualche soldo che in tasca si aveva.
Era soldo sudato in Terra lontana
e la Sposa era detta "l'americana"!

Anche se, allora, ancora non si usava,
il "viaggio di nozze" già li aspettava!
Ecco, pronte sono, già, le valigie,
ecco gli Sposi che sorridono felici!

Quel matrimonio che sapeva di cose rare,
meraviglia grande doveva destare!
E il saluto, pieno d'emozione,
doveva concludersi alla "stazione"!

Una macchina d'epoca apriva la strada,
di fiori d'arancio tutta adornata.
Gli sposi, là, comodamente seduti
e, dietro, l'autobus con tutti i convenuti,

che, per quella sorpresa (non sembrava vero!),
ridevano tutti con cuore sincero
e ridendo, ridendo per l'evento singolare,
giunsero festosi alla "Stazione Caldare".

I bambini, ora liberi e senza freno,
facevano "un corri corri" verso il treno
e, piccoli e grandi erano tutti impegnati
per il saluto agii "Sposi" festeggiati.

La campanella suonava...
e sollecitava i viaggiatori con premura.
Gli Sposi, al finestrino, già, affacciati,
salutavano, ora, parenti e invitati.
Chiusi, così, i catenacci per la partenza,
giunse, poi, il momento della spartenza
e, quel treno che, partendo, già, fischiava,
ai battiti delle mani si mischiava.

Ma quel padre e quella madre salutando,
sentono, già, che la vita sta cambiando:

sono contenti per la festa ben riuscita
ma, nel cuore, c'è una lacrima inghiottita;
loro sanno che la casa che li aspetta,
è, ancora, odorosa di confetti.

Quella festa si era svolta a meraviglia,

ma, ora, manca il primo fiore di famiglia,

quel fiore che fin'ora la profumava,

sotto gli occhi, quel lungo treno, se lo portava.

Era, quel fiore, un incanto di natura,
chiara e perfetta la sua postura!
I suoi occhi erano lucenti come stelle
ed il viso si adornava di biondi capelli.

Ma la vita, con la sua legge di natura,
porte nuove apre sempre alla ventura:
ha detto "SI", davanti al Signore,
ad un giovane serio, bello e lavoratore

che, ora, mentre con gli occhi la guardava,
una sana gioventù le regalava!
Le prometteva "amore e onestà"
ed una vita di devota fedeltà.

Quel bel giovane, che era mio padre,
pieno d'amore, l'accarezzava
e quella giovane, che era mia madre,
timidamente gli sorrideva.

 

Era il 29 aprile, dell'Anno Domini '33
e quel treno, mentre fischiava,
gli sposi a Roma si portava...