GTranslate

Chi è online

Abbiamo 264 visitatori e nessun utente online

 

13° MEMORIAL ROSA BALISTRERI

anno sociale 2013-2014

Presidente: Dr. Francesco Racalbuto



FAMI
Fabio Messina

FAMI

Vùcchi sbalancati tenunu a genti,
aspittannu ccu prèscia pani pirdutu
e travagghiu s’addisìa,
ca vràzzi caruti
attonna vulissiru i manu jsàri
ppi fari còrca cosa ra vita.

Ma u “Re i dinari” si ni va futtennu,
joca e s’addivèrti ccu dirivàti e bùrsi,
ca banchi e banchiceddi
pumpiaru i so’ casci ri 'mbrògghi
e a minna si ficiru bedda
ccu gnizziòni ri farsa munìta.

E mentri peri peri fami,
tantu talentu nta munnizza jttatu,
n’omu rispiràtu si senti vuçiàri,
nu ciaccu o coddu
e n’urtima palora:
FAMI !

FAME

Bocche spalancate tengono la gente,
aspettando con premura pane perduto
e lavoro si desidera,
che braccia cadute
di nuovo vorrebbero le mani alzare
per far qualcosa della vita.

Ma il “Re di denari” se ne va fregando,
gioca e si diverte con derivati e borse,
che banche e banchicelle
hanno dopato le loro casse di imbrogli
e la tetta si sono fatta bella
con iniezioni di falsa moneta.

E mentre in giro fame,
tanto talento nell’immondizia gettato,
un uomo disperato si sente vociare,
un cappio al collo
e un ultima parola:
FAME !

 

note sul poeta: Fabio Messina
Vive a Palazzolo Acreide, agente di commercio. Ha pubblicato nel 2004 un libro di poesie in dialetto siciliano "Acqua ca vugghi". Sta lavorando ad un libro di cantastorie e ad un altro di poesie in dialetto su tematiche sociali. Aderisce al Movimento di giovani scrittori "Timpanova" di Palazzolo Acreide. Si dedica a scrivere poesie in dialetto dedicate a quadri di pittori siciliani credendo nella sinergia tra arte pittorica ed arte poetica.